PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2018 · 2017 · 2016 · 2015 · {and before that

Blonde Redhead

https://www.inkoma.com/k/625

@ auditorium parco della musica, roma, 02 dicembre 2007

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard

Blonde RedheadBlonde RedheadBlonde RedheadBlonde Redhead
Blonde RedheadBlonde RedheadBlonde RedheadBlonde Redhead
Blonde Redhead

E' stato il mio quinto concerto dei Blonde Redhead: la prima volta fu all'alpheus di roma, e mi ricordo di essere entrato col cappello di lana e di essere uscito a maniche corte per quanto il tropico del cancro fosse calato in mezzo allo stipato e costipato pubblico, e ricordo di una ragazza che sudava freddo, - in preda a qualche malattia tropicale (giustamente), e che io per non svenire l'ho abbracciata praticamente come aprendo un frigo; sorta di ghiaccio bollente. - Invece ieri sera mi sono ritrovato seduto, nemmeno fossi al cinema, alla sala grande (Sinopoli? S. Cecilia?) dell'Auditorium Parco della Musica, - dove al fio dell'ossigenazione si pagava pegno di poter massimo tamburellare sulla poltrona del vicino e sbattere il piedino a tempo della Musica: praticamente una tortura! Se solo una, dico una persona del pubblico si fosse alzata e avesse cominciato a ballare, - mi sarei un'unito subito a cotanto coraggio, - tipo John Belushi che vede la luce in Blues Brothers quando James Brown dice messa.
Ma fosse stato solo un problema motorio: fatto è che l'acustica era a tratti atroce, - almeno alla quarta fila dove mi ritrovavo, platea, - con i bassi mi facevano un discreto massaggio alle natiche, e sibili degli ampli da puro imbarazzo per il responsabile audio della sala. checcazzo, un pò di criterio! Diciamo che era già cominciata male quando ho trovato un altro tizio seduto al mio posto, - identico biglietto, ma - sorry brotha, - lui doveva spostarsi in galleria..
A parte ciò: Kazu sin da subito ci dà di mutanda (scusate la poesia), e da decerebrato cromosomato XY mi cade la mascella sulla sua minuta mise, le gambe setate e.. ok, per me ha un'età indefinita tra i 20 e i 40 anni, ed è senza discussioni un gran pezzo di Donna.. i Blonde Redhead sono ottimi, anche se Kazu le lyrics di In Particular [vedi foto] sembra non essersele ancora imparate.. e anche se Amedeo Pace non capisco perchè non canta Melody of Certain Three nella tonalità in cui l'ha registrata su disco (Melody Of Certain Damaged Lemons) invece che quasi come uno spoken word, e quel ritornello 'all is well' m'è rimasto sul groppone.
Lamentele terminate, io sono stato in estasi, - i tre limonari hanno sciorinato Magic Mountain, l'acclamata 23 (che da hit single qual è, è stata eseguita quasi a fine prima scaletta) e non immaginavo che dal vivo la eseguissero solo chitarra e batteria (+ samples) e Kazu free a ballare e cantare; poi l'ottima Dr. Strange Luv, Spring and By Summer Fall, The Dress, Top Ranking, Melody (con ottimo finale a stile libero da film anni 60), la strappa lacrime Misery Is A Butterfly e la malinconica SW.
Tornano su palco due volte, e la prima tranche di bis è di 4 pezzi se non sbaglio, - e infine terminando con .. help me, non mi ricordo +.
Il pubblico al secondo bis chiedeva di più, - io noto Amedeo rivolgersi al fonico di palco facendo domanda a gesto 'ma possiamo farne solo uno?' e al che gli devono aver risposto di sí, perchè poi sono costretti a salutare. - Le hostess dell'auditorium ci danno del lei e ci invitano a liberare la sala, senonché esce fuori Simone ed è stato facile distinguerlo dal fratello per via dei pantaloni bianchi lui, neri l'altro - ma soprattutto perchè mi ha firmato il biglietto scrivendoci il suo nome.. è sorridente, almeno quanto la smorfia soddisfatta che ha avuto per tutto il concerto nel suonare, non dice una parola, ma si vede è contento, si fa fotografare e firma autografi, - poi ci cacciano, sono le 23,15 mi pare, la notte è giovane..


ƒvideo: Melody (360mb)

read less 
read more 

Feedback:

 koma kazu makino writes: koma kazu camino? - forse il titolo di una nuova rubrica sullo stile jappo americano milanese del camminare su palco. - Cmq, sì, pure un'altra mia amica che era in galleria mi ha detto come Te che l'acustica sù invece era buona, - io ed altri invece proprio tremavamo sulla poltrona e ci guardavamo stupiti. Già sul primo pezzo c'era un sibilo tremendo poi, penso provenisse direttamente da palco, infatti ricordo Amedeo Pace ha subito spostato il microfono.
(04/12/2007 16:13:00 - ip: 89.97....)
 federico writes: si, dai continuate parlarmi di kazu
(04/12/2007 16:03:00 - ip: 195.11...)
 Matto writes: ciao koma. mi è parso strano il fatto che non ti sia piaciuta l'acustica... cioè, eravamo ben distanti, io in galleria te in platea, ma dalle mie parti si sentiva stupendamente... certo, non avrò potuto vedere i tre da vicino come hai fatto tu(grazie per le foto by the way)... ma, riallacciandomi alla rece, devo dire che da dove ero io Kazu era di una bellezza, guarda... l'ho trovato un concerto stupendo... il mio giudizio è positivo... molto... a presto, ciaoz.^^
(04/12/2007 14:33:00 - ip: 87.17....)
 Massimo writes: Grande Paolo! Grazie per il video! Ho deciso che Melody è una delle mie canzoni preferite dei BRH…
(03/12/2007 23:14:00 - ip: 83.181...)
 federico writes: la rece è quasi sexy-soft core. meglio della dalila di lazzaro in TRe Tigri contro tre tigri.
(03/12/2007 15:50:00 - ip: 195.11...)
Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl