PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2018 · 2017 · 2016 · 2015 · {and before that

Savage Republic

w/ Carla Bozulich + Congs for Brums

https://www.inkoma.com/k/542

@ circolo degli artisti, Roma, 20 gennaio 2009, ingr. 10€

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard

Circolo pieno di pubblico, - pronti per due show di dolore e catarsi.
Quando sembra tutto pronto perchè la Bozulich cominci a far urlare le proprie viscere, invece si accorge che un cavo jack l'è morto improvvisamente e quindi aspettiamo una buona decina di minuti che venga rimpiazzato.
Ci saranno un altro paio di inconvenienti tecnici, - tipo che alla bassista Tara Barnes le salti una corda dello strumento ("Qualcuno del pubblico ha una corda per il basso? Giuro che appena ritrovo le mie a fine concerto ricambio il favore"; - poi sono i SR a prestarle il basso), e che la Bozulich si sia persa da qualche parte nel backstage il quaderno dei testi.
Poi il concerto: tre nuovi pezzi "scritti in due giorni durante il tour", di cui uno presentato com'essere tra i Nirvana e Dixie Chicks, - nonchè una cover, "For today I am a Boy" che mi si dice essere di Antony and the Johnsons.
Se non conoscete il personaggio, pensate ad una donna tra Shannon Wright e Lydia Lunch, e qualche rassomiglianza con Thalia Zedek, - quindi ad un'alchemica viscerale di sacro stravolgimento interiore e delle interiora, in un'altalena di musicalità sussurrate e grida percussive. Poi beh, tra un dolore lancinante e l'altro, pare che sta sempre "à rride".
Ad un certo punto un sottoesemplare di essere umano le lancia una monetina contro: Lei a fine pezzo la raccoglie, - è tipo 5 centesimi, - quindi Carla racconta al microfono un breve aneddoto di quando era giovane e suonava in un gruppo punkrock o simila, e le capitava spesso che le tiravano cose, e che allora erano fieri quando succedeva.. poi allontanandosi dal microfono inveisce 'finito il concerto questa monetina te la metto sù per il culo' e il pubblico applaude, incluso il soggetto, che poco dopo darà il meglio di sè rischiando la vita con i Savage Republic.
A parte questo episodio, - la Bozulich si fa anche accompagnare da un ottimo batterista, Chess Smith, - molto fomentato da se stesso per le Sue capacità da rumorismo e jazz, - un portento, esplosivo, ma forse un pò pieno di sè,  - purtroppo sono arrivato troppo tardi per assistere alla sua intro a nome Congs for Brums. Gran classe.
Peccato invece che l'archetto di Francesco Guerri fosse amplificato a mò di volo di zanzara. - Finito il concerto, Carla invita tutti a rimanere per gli amazing Savage Republic.

Il grosso bidone di Repsol, mi dicono era rimasto abbandonato al vicino Init dallo scorso concerto dei Savage Republic, e quindi riutilizzato per l'occasione. Non verrà dato alle fiamme come si vede in diverse istantanee della carriera del gruppo, ma sarà poi usato come tamburo da picchiato dal percussionista Ethan Port (nel gruppo dal 1983 insieme al bassista/chitarrista/cantante Thom Fuhrmann e il batterista Alan Waddington), che verso il terzo pezzo si mette a petto nudo.
Ascoltando la Loro performance ho pensato alle doppie percussioni dei Distorted Pony (anche Loro di Los Angeles!), miste al timbro tipico del cantato goth-wave anni 80 e agli Einstürzende Neubauten, - ovvero del sano gusto tribal punk, a tratti industrial vecchia scuola, con muri di chitarre quasi God Machine: tanto di cappello all'attitudine (cribbio, saranno tutti sui 50 anni!), sanno ancora come farsi rispettare.
E a proposito di 'rispetto', ecco che l'ubriaco di prima mi passa avanti, e sputa due volte sul palco: probabilmente pensa di essere geniale, magari figo, - ma fa di più, - lancia anche il ghiaccio del suo drink, e colpisce Thom, che a fine canzone si rivolge al pubblico risoluto e serio chiedendo 
'chi ha tirato il ghiaccio?'.
Il para-umano di prima, credendo di andare a ritirare un premio si sbraccia per indicare la paternità del gesto, al che Thom gli urla puntandogli il dito 'You're punk!', e il tizio, sulla ventina credo, pensa di aver ricevuto un complimento, - avrà pensato, 'che figo! dice che sono punk!', invece no, - ti ha proprio detto che sei un rifiuto, una cacca, e infatti Thom prova a farglielo capire "show respect!!", al che 'sto tipo gli urla 'nooooo, i RESPECT you' e l'altro gli dice 'no, questo non è rispetto, mi hai preso sul polso col ghiaccio, mi hai fatto male' - intanto cala il gelo tra il pubblico, - ma il ragazzo, in un exploit alcolico crede di essere ancora più furbo e gli dice 'suck my...' pretendendo che Thom completi la frase, - invece lui - giustamente - si incazza ancora di più e sta per scendere dal palco 'dai coraggio, vieni e qui e vedi come te lo succhio!, vattene via, non ti voglio qui, vattene fuori dal locale'; qualcuno del pubblico dice 'nooo, dai...' ma poi al 99% applaudiamo Thom, e l'altro per un pò se ne va.
Lo show riprende, suonano Siam, 1938, e una cover, registrata per una compilation "for a french label", ovvero una corpulenta The Hanging Garden, dei Cure, - uno spettacolo.
Prima del bis con Viva La Rock 'n' Roll, cavallo del 1984, i Savage Republic hanno reso omaggio ad Obama almeno un paio di volte, - quindi riecco Furbolo, - che urla 'obama fuck you' - più coglione di prima,  - zittito poi da uno shutup! del gruppo, - e poi gran finale sempre di questo guastafeste, che cercando di rubare dal palco le bottigliette d'acqua del gruppo, appena ne afferra una dall'albero della cuccagna viene preso (finalmente!) da uno dello staff medico del circolo per fargli fare uno scivolone fuori dal locale in stile aqua slide.

Alla fine stringo la mano al batterista Alan Waddington sperando un giorno di avere una camicia psichedelica e freak come la Sua. Me, I respect You, - not that stupid guy.

Entrambi i gruppi sono ancora in tour questa settimana, - guardate la sezione concerti.

Carla Bozulich set
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]

Savage Republic set
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]
[click to focus]

read less 
read more 

Feedback:

 pallOpen new window writes: hi Thom! hopefully to see You soon again in italy! ciao!
(03/02/2009 09:24:00 - ip: 89.97....)
 thom fOpen new window writes: thank you for the kind words... all the best
(28/01/2009 12:04:00 - ip: 87.29....)
 pall writes: riguardo la canzone nel video, mi sapete dire se è sua o dei Tuxedomoon? me li ricorda molto...
(22/01/2009 17:49:00 - ip: 89.97....)
Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl