PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2017 · 2016 · 2015 · 2014 · {and before that

Sebastião Salgado

Mostra fotografica a Roma @ Ara Pacis, 15/05 - 15/09/2013

https://www.inkoma.com/k/4188

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
Gilles Clement in uno dei libri più affascinanti di quest'anno - L'Elogio delle vagabonde - ha reso il suo particolarissimo omaggio a intere famiglie di erbacce e graminacee.
In un trattato che è al tempo stesso alta letteratura e una specie di sofisticata filosofia del paesaggio, quello che è il teorico ufficiale de Il giardino in movimento, illustra perfettamente come - nonostante l'uomo, il cemento e le coltivazioni industriali - milioni di piante selvatiche siano riuscite a resistere e a proliferare per il mondo.
Con la sua Genesi, Sebastião Salgado è riuscito a proporre una testimonianza altrettanto intensa e preziosa sulla natura che non si arrende e sopravvive nella sua bellezza sconfinata.
In una mostra fotografica che raccoglie oltre 200 scatti frutto di un lavoro estenuante durato oltre otto anni, il reporter brasiliano riesce a tessere un filo conduttore che lega tutta la forza e la vitalità dei paesaggi più estremi e incontaminati del nostro pianeta.
Avevamo conosciuto Salgado in ambienti molto più asociali e distruttive grazie ai Ratos de porao e alle locandine dei concerti anni '90 al Forte Prenestino.
Ora, la sua tradizionale visione terzomondista si sposa ad una causa ancora più necessaria e urgente come questa legata alla difesa appassionata dell'ambiente. Salgado è riuscito a isolare lo spirito delle forze della natura, tratteggiandone i lineamenti più disarmanti soprattutto quando ne esalta la normalità e l'ineluttabilità nelle situazioni apparentemente più inospitali e ostili. E' possibile finalmente assistere alla sua opera nella cornice suggestiva e nobile dell'Ara pacis a Roma, fino al 15 settembre.



***


read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl