PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2017 · 2016 · 2015 · 2014 · {and before that

Be Forest

Domani 23 novembre a Roma

https://www.inkoma.com/k/3833

Live @ Le Mura Via di Porta Labicana 24 San Lorenzo, ingr. 5 euro

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
Nel recente e bellissimo Libertà, Jonathan Franzen ha celebrato in alcuni momenti di letteratura assolutamente memorabili la sana ottusità dello specialista al tiro da tre punti tra i professionisti del basket. Secondo la protagonista di quel libro infatti, solo chi ha una mente propensa alla glaciale vuotezza e in grado di azzerare il peso di tutte le varianti avverse può concentrarsi nell'implacabilità di un gesto cosí e perfetto e meccanico. Ora non sappiamo quanto abbiano giocato a pallacanestro in gioventù i Be Forest, sentendo il loro sorprendente album di debutto Cold però, è impressionante convenire sul fatto di come il trio riesca ad andare a segno in quasi ogni singolo momento del disco,
in spunti che però non sono solo sterili esercizi di talento, ma pure dosi di dispersioni estetico-sentimentali che sembrano riflettere di volta in volta la piena consapevolezza di stare a giocare con un universo di rimandi ed elaborazioni emotive sterminate e a noi sempre carissime.
Confrontandosi con la foga di Siouxsie and the Banshees, le diatazioni degli Slowdive e la genuità pop dei Cure in effetti si può avere sicuramente la strada in discesa nell'accedere di peso in certi circuiti e canali di nostalgici sempre folti. Elaborare una propria formula espressiva in ambienti in cui è cosí oppressiva ed oscurante la scia delle influenze è senz'altro sintomo di una freschezza compositiva e un estro di scrittura fuori dal comune. Non è un caso che in pochissimi mesi i Be Forest abbiano bruciato le tappe e i consensi, prima accasandosi alla We Were Never Being Boring e poi calamitando pubblico e la grande stampa al Supersound di Faenza. Nell'ambito delle serate di Mainstreaming, mercoledí 23 novembre il terzetto sarà dal vivo a Roma a Le Mura in un'occasione buona per testare la tenuta sul palco della band, ma anche per conoscerla da vicino. Prima del concerto vero e proprio, Gianluca Polverari dalle 19 alle 20 presenterà e intervisterà i ragazzi marchigiani in diretta per Fusoradio. Scopriremo se i nostri fanno il tifo per la Scavolini Pesaro? Di sicuro dopo Altro e gli Slight un altro gruppo dalla città ducale che in un mondo più giusto riempirebbe Palasport.




read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl