PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2021 · 2020 · 2019 · 2018 · {and before that

Fuck Knights

Let it bleed

https://www.inkoma.com/k/3743

(13tx 33rpm 12" LP - Boss Hoss rec 2011)

 | freddie koratella
permanent link copied to clipboard
Fottuti cavalieri... in questo periodo di crisi in Italia ce ne basta e avanza uno; il più famoso. Ma per fortuna in nostro soccorso dagli Stati Uniti, direttamente da Minneapolis, ne arrivano addirittura tre (batteria: che carica anche la voce; chitarra: distorta; basso: frenetico;) più un jolly alla tromba. Sono i Fuck Knights che con Let it Bleed, prodotto dalla nostrana Boss Hoss Records e distribuito in esclusiva dalla Dirty Water Records, si battono all'ultimo sangue in 13 tracce di duellante 60's psychedelic-garage-punk.
Leggendo i curriculum vitae dei loro membri si viene a conoscenza di un passato turbolento e malandrino... forse è solo leggenda per i lettori... ma basta che la puntina del giradischi cominci a fare il suo sporco lavoro per far capire agli ascoltatori che qui di disordine sonoro ce ne può essere a bizzeffe. Kristina! si parte con un riff ossessivo in cui GD Mills (drums and lead vox) mette subito le cose in chiaro... lucidate bene le scarpe da ballo che da ora in poi si muovono le chiappe. Moderation... i buoni consigli non si accettano mai; qui infatti i Fuck Knights se ne infischiano dei segnali e spingono forte sul pedale dell'acceleratore sonoro che si divora allo stesso modo anche la successiva Kilometres. Nella quarta traccia OH-OH più che cavalieri i Fuck Knights assomigliano ai Monaci e non solo per la martellante chiave psichedelica. Con Teenage Wasteland ci si prende una boccata d'aria fresca nel più schizofrenico dei sentieri del R'& B', agli amanti dei video splatter consiglio di spulciare su youtube. Il lato A si chiude con I e subito dopo la super cover Primitive... mi basta questo per trasformarmi in una loro Groupies.
Appena inizia il lato B con Bind Torture, Kiss mi vengono subito in mente i tempi lontani delle superiori quando arrivavano i punk a rovinare le feste meste... uno spettacolo. F.M. Eyes non passa inosservata ma a lasciarmi di sasso è il giro ossessivo di basso della successiva Knight Terrors... cattivi presagi come quelli dei Devo in Bastogne, questione di Mongoloid. La matrice casinara e guastata la fa da padrone anche in Materialize Soon in cui Joe Holland (bass) da veramente tutto; con il suo forsennato ritmo sembra infatti un gregario di lusso a tirare il gruppo prima che si scateni la bagarre per la lotta della maglia rosa. Abrasion è un altro sfregio punk che lascia il segno prima di Gimmie Your Heart in cui i Rolling Stones vengono fuori oltre che dal titolo dell'LP anche nel suono; questa volta gli americani però puntano diritto al cuore.
Un disco che mi ha esaltato nel primo lato e mi è piaciuto nel secondo.
Per chi apprezza il genere... soldi spesi bene.

.·´¯¯`·.    .·´¯¯`·.
  °   °     /_ .K ..·
·..  º .·

Fucking knights! In these times of crisis in Italy, one knight is more than enough; the most famous one, I mean. Luckly, the States sent us help, straight from Minneapolis, - actually it's three (drums boasting vocals; guitar, distorted; bass, frenetic), plus one jolly, the trumpet.
It's Fuck Knights, which with Let it Bleed, produced by our local Boss Hoss Records, with exclusive distribution in Italy by Dirty Water Records, fight until the last drop of blood, through 13 tracks of duelling psychedelic-garage-punk music, rooted into 60s.
I read their CV, and it looks like they have had a turbolent past.. maybe that's just rumours for readers.. but as the the stylus of the turntable starts to do its dirty work, it turns clear to listeners that here there may be sound clutter galore.
Kristina! starts with an obsessive riff and GD Mills (drums and lead vox) goes straight to the point.. people, gloss up your dance shoes and get your ass moving.  Moderation... that's where good advices are not welcome, ever: the Fuck Knights do not care a thing of road signs and push hard on the accelerator pedal of sound, which eats the road for the next Kilometres. In the fourth track OH-OH rather than Fuck Knights, they look like Monks, and not only because of the pounding psychedelic key. With Teenage Wasteland, we take a breath of fresh air in the most schizophrenic of paths of R' & B', - something I warmly recommend to fans of splatter genre, youtube-it. The A side ends with I, and soon after the super cover Primitive.. that's enough to turn me into one of their Groupies.
As side B starts with Bind Torture, Kiss, it comes back to my mind when in far times - high school - punks used to come and ruin those sad parties.. a miracle.. F.M. Eyes does not go unnoticed, but what has really turned me to stone is the obsessive bass riff of the following Knight Terrors.. Bad omens à la Devo in Bastogne, Mongoloid matters. The fucked-up-factor rules hard in Materialize Soon, where Joe Holland (bass) is simply huge; with its frantic pace seems a luxury wingman pulling the group before it starts a brawl fight for the pink jersey. Abrasion is another scar that leaves its mark, before Gimmie Your Heart, where the the Rolling Stones come out well in the sound before than in the LP's title, and this time the Americans, anyway, point straight to the heart.
Both sides are good, one is exciting, the latter too. For those who appreciate the genre... money well spent.

[Freddie Koratella aka Dj Dead Music]


read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl