PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2018 · 2017 · 2016 · 2015 · {and before that

DEL PERCHÈ NON GLIENE FREGA NIENTE A NESSUNO DELL'INDIE.

https://www.inkoma.com/k/363

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
DEL PERCHÈ NON GLIENE FREGA NIENTE A NESSUNO DELLINDIE. -  | Varie
Leggi anche 'Del perchè non cambierà mai nulla', Cfr. con 'Come farsi 600km per suonare davanti a 20 persone (di cui 10 disinteressate) all'una di notte', vedi anche 'Combattere contro i mulini a vento e scoprire che riaprono le centrali nucleari', e consulta 'Io mammeta e te (“i tre dischi venduti”)'.
Non tutti sanno che dietro ogni concerto c'è un soundcheck, che a seconda di fortuna e headliner_ità dura dai 10 min alle 3 ore (per alcuni), con leitmotif 'dovresti abbassare l'amplificatore' e 'potresti cantare un pò più forte o cmq più vicino al microfono?'.
Dietro il soundcheck c'è un load-in, - ovvero l'arte di scaricare dalla macchina tutti gli strumenti e ambaradan e montarli su palco (a fine serata ci sarà il load-out).
Prima del load-in potrebbe esserci un viaggio durato ore, non necessariamente graziato della stella polare moderna aka GPS e dalla viabilità.
Prima del viaggio durato ore ci sono state schede tecniche inviate al fonico e matematicamente da questi ignorate ('quante chitarre siete?'), ci sono giorni di prove in sala, ore di permesso prese da quel lavoro normale che porta la pagnotta a casa, - quindi rinunzie, sacrifizi e tanti, tanti soldi spesi che MAI SI VOGLIA qualcuno se ne rifaccia un giorno un bilancio, perchè sarebbe un TOTALE tanto disperato quanto quasi quel 'quanti soldi ho - hai - speso comprando sigarette durante una vita'.
Ma chiaro, nessuno costringe nessuno a far parte di un gruppo musicale e andare in tour, è un pò come lamentarsi che i programmi in TV fanno schifo quando si ha un telecomando in mano e A/Emule su adsl.
Quindi il punto: del perchè non gliene frega niente a nessuno dell'indie, in italia, - perchè non è mediamente di moda, perchè difficilmente è ballabile, perchè è difficilmente assimilabile, perchè la sua popolarità mediatica è poco vendibile, perchè non ci sono showmen, perchè la maggior parte delle volte indie vuol dire sfigato e non appariscente, perchè molti gruppi non hanno un minimo di piano per il futuro e i talent scout esistono solo nei film americani, - perchè il pubblico ha imbarazzo di muoversi o avvicinarsi al palco ('no, se vedono che mi diverto, magari dopo vogliono che compri un loro cd!'), perchè i locali non pagano, e se non pagano non hai i fondi da investire nel tuo gruppo, - un pò come per la ricerca del primo impiego dove dopo una fila di 30min per un colloquio Ti rispondono che sei ok ma che loro vogliono 'gente con esperienza', che in indiecille si traduce in 'sí, fate un genere interessante, ma noi vogliamo gente cool che richiami gente'.
Al che, a volte, Ti passa davvero la voglia.. però poi Ti ritrovi in saletta, da solo o con qualche cristo affine, - e fai quelle due note che Ti suonano tanto speciali.. dal tunnel della droga non se ne esce, se bevi l'acqua del mare Ti aumenta solo che la sete, bevi bevi bevi, finchè il fegato non Ti scoppia, - quasi nella totale ignoranza e/o indifferenza di chi è in lista per il prossimo turno.
read less 
read more 
Tags: indie  
I love that too! 14 komareaders love this

Feedback:

 federico writes: si ma facciamoci una canna
(26/05/2008 13:27:00 - ip: 82.104...)
 pall writes: (nota per i komalettori che non hanno idea di cosa cribbio parli il Frank: http://periodobianco.splinder.com/post/17137141/Dell%27utilizzo+per+l%27utente+Mac
(26/05/2008 10:40:00 - ip: 89.97....)
 Frank/Periodo Bianco writes: Grazie caro Pall, potrei quasi avventurarmi nella realizzazione un prodotto editoriale dedicato al mac. Ormai ho in pugno delle chicche che se le raccogliessi in una sola guida per i mac utenti Steve Jobs dovrebbe baciarmi i piedi sudati. Peccato che un computer così buono sia limitato dall'assoluta carenza di prodotti e programmi compatibili. Al prossimo giro potrei tornare al pc puro e semplice, tanto più che ho notato che per i mac motorola la tendenza è quella di non andare avanti con lo sviluppo di numerose applicazioni (java, joost e ubuntu, per dirne alcuni). Chi lo sa.…
(25/05/2008 21:33:00 - ip: 80.183...)
Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl