PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2017 · 2016 · 2015 · 2014 · {and before that

Caiman the Animal + J'accuse + Cellar full of toys

Stasera, che sera

https://www.inkoma.com/k/3285

Dal verme

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
Come dimostra ottimamente Daniel Mothè, nelle condizioni attuali il tempo libero dal lavoro non è automaticamente liberato dall'economia. La maggior parte del tempo libero non porta a una riappropriazione dell'esistenza e non costituisce una fuoriuscita dal modello mercantile consumistico dominante. La Domenica, i treni strapieni di famigliole che vanno a passare il tempo a Parco Leonardo ne sono una testimonianza sconfortante.
Roba da portare il pennarello e imbrattare i finestrini con citazioni a braccio di Ivan Illich o da organizzare dirottamenti fin dentro al Dal verme. Tanto più che questa settimana, il 14 c'è un'iniziativa da paura.
Dalle 19 in poi oltre all' aperitivo vegan-punk secondo gli insegnamenti del buon Cochet ci saranno infatti le esibizioni di alcune formazioni a cui teniamo particolarmente. Se come noi amate gli Aldrin non potete perdervi o trattenere la curiosità sulla performance di Cayman the Animal. Se nel progetto che ha dato da poco alla luce lo splendido La roche Marco e Roberto hanno rielaborato il meglio delle angolazioni post-rock anni'90 di scuola 33.3 e American Football con la tecnica dei Cap'n jazz e la sapienza hc di dove colpire bene degli Ingegno in questa nuova formazione riassaporano più gli anni '80 della Sst, proponendo un'incrocio impressionante e originale del migliore bandana hc con l'estro dei Minutemen e la classe dei Replacements.
Ma magari stiamo a dí cazzate, verificate voi qui mediafire.com/?e0bn3x2bvws07uk.
Con loro i J'accuse di giro Ghost Bitch records e che ogni volta che li andiamo a vedere ci dobbiam pulire gli occhiali che sò zozzi-screamo da morí. Gli unici che ci fanno immaginare ad una possibile versione crampsiana e lo-fi dei La quiete. Dietro di loro ci sono i componenti di almeno altre 124 band del centro e la periferia di Roma. L'unione fa la forza.
Concludono i Cellar full of toys di cui non possiam non parlare bene anche se non abbiam un loro link da girarvi, ma potete saperne di più qui di volta in volta.
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl