PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal · 2017 · 2016 · 2015 · 2014 · {and before that

Barbagallo

Ego God

https://www.inkoma.com/k/k.asp?id=2667

(17tx, 47'54'' - internet release, free or pay as You want download, Barbie Noja 'o7)

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
The album's opening song's title Cows & Sheeps, Lambs & Violins sounds exactly as well as what it promises: a bucolic early morning promenade among future beefs and ovines, - plus a violin. A sincerely pastoral vision. You feel like You're there. Watch out watch your feet walking in the grass.
Then it's a three songs suite, with Carlo Barbagallo's enchanting vocals, - resident demiurge - barely folk, nowhere near electric, if not like a last nude light bulb in an abandoned house on the sea side, - and actually You can hear the sea waves breaking on the shore.
Tracks 5 and 6 are free instrumental sound experiments, recording experiment as well, - then it's from track # 7, Remove Me, that a more proper intimate melodic line takes form: melancholic lyrics, acoustic slide guitars, swinging between dry sounds and a final electronic programming of filtered drums.
The following track For Children is a drumless song, where the percussions are the piano notes and those precise beats on a triangle (right?), a severe tone and mood is not far from that savour dear to Black Heart Procession's tempos, - a majestic choral hymn to the broken lives.
Bed is spectral interlude, psychedelic à la early Pink Floyd, - and later You wouldn't expect a country ballad like You That Choose, - i bet Lee Hazlewood would have loved it.
Oaic (reverse for Ciao, - i know You got that) is simply smart and infectious, - and last track, the album's title, Ego God, is a sort of duet between Barbagallo and a speaking mechanic doll. Just kidding.
Anyway, this album is a hidden gem, You can feel it it's been recorded or thought in isolation, - but it's not depressive or emotional, - it's simply indulging with its inside devil, and turns each inner sadness in a different reading key.

+++

La canzone che apre l'album, Cows & Sheeps, Lambs & Violins, suona esattamente come titola: una bucolica passeggiata di primo mattino tra future bistecche e ovini, - più, un violino. Una figura sinceramente pastorale. E a sentirla, sembra quasi di essere lí. Occhio quindi a cosa pestate.
Quindi c'è una suite di tre canzoni, con l'ammaliante voce di Carlo Barbagallo, demiurgo di questo disco, - ai confini del folk, ma lontanamente elettrico, - se non quanto una nuda lampadina in una casa al mare abbandonata, - ed in effetti si possono sentire le onde che s'infrangono sulla riva ad un certo punto.
Le tracce 5 e 6 sono degli esperimenti sonori liberi, e altrettanti sperimentalismi con le registrazioni, - ma poi è dalla successiva Remove Me, che prende forma una più intima linea melodica: testi malinconici, slide su chitarra acustica, un dondolare tra suoni asciutti e delle percussioni filtrate su dei sample.
La successiva For Children è una canzone senza batteria, o meglio, le percussioni sono gestite dalle note di piano e quei precisi colpi su un triangolo (dico bene?), un tono ed umore severo non lontano da quei sapori cari ai tempi dei Black Heart Procession, - un eccellente inno corale dedicato alle vite spezzate.
Bed è un interludio spettrale, una psichedelia alla primi Pink Floyd, - e la seguente ballata country You That Choose si presenta del tutto inattesa, - e scommeterei che a Lee Hazlewood sarebbe piaciuta.
Oaic (reverse per Ciao, ma lo so che ci sareste arrivati anche da soli) è semplicemente furba e contagiosa nella sua fattura, - mentre l'ultima traccia, quella che dà titolo all'album, Ego God, è una sorta di duetto tra Barbagallo e una bambolina meccanica a cui hanno tirato la corda troppo forte. Scherzo.
Cmq sia, questo disco è una delle Sue gemme nascoste (ai più). Si avverte che è stato registrato e pensato soprattutto in solitudine, - ma è lontano da essere emotivamente depressivo, - anzi, indulge con il proprio diavolo interiore, e rilegge ogni tristezza interiore in una differente chiave di lettura.

<a href="http://barbagallo.bandcamp.com/album/ego-god">Cows & Sheeps, Lambs & Violins by Barbagallo</a>
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl