PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2018 · 2017 · 2016 · 2015 · {and before that

Enormous

Attentionsbahn

https://www.inkoma.com/k/173

(6tx CD, 41'29'' - Sonamiuzik 'o8)

 | massimo cisternino
permanent link copied to clipboard
Primo disco per i misconosciuti ENORMOUS. Trattasi di un progetto heavy-psych dalla provincia romana che porta con sè membri dell'altrettanto valida garage band: Hospital. Sei tracce che catturano i momenti più significativi delle lunghe ed estenuanti jam-sessions della band. Direi, come non si fa più da molto tempo. L'unico episodio che adesso mi viene in mente è quello splendido lavoro dei Chillum a.k.a. Second Hand, che viene a mio parere ingiustamente fatto coincidere con la nascita del prog inglese. La prima traccia: She's a man altera da subito la percezione dell'ascoltatore e lo scuote trasportando l'orecchio da destra a sinistra attraverso un azzeccatissimo gioco di panning. La seconda traccia: Pour it on your head propone invece un crescendo molto più lento e dilatato, con moog e voce avvolti in densi ritardi. Quasi a simboleggiare l'andamento incerto di un pensiero che riecheggia nel cervello. Qui si aprono le porte del mistero o meglio della percezione, visto che siamo in argomento. Ma il vero trip stralunato è Arabs in Manhattan, sospeso tra le fantasie schizoidi dei dEUS di In a bar under the sea e il freaky-blues alla Holy Modal Rounders che non hanno dimenticato la loro dose giornaliera di acidi. Gli Enormous guardano dall'alto e maneggiano tutto con estrema cura senza rimanere ingenuamente ancorati alle polverose sonorità anni 70. La fatica in questione parte da una tradizione musicale che brulica di stilemi psichedelici ma che trova magicamente modo di proiettarsi verso territori più attuali. Il disco si chiude con Everybody out, mantenendo grosso modo inalterate le atmosfere di partenza anche se ammorbidendole un pò per permettere la conclusione del trip sonoro. Procedere all'ascolto di questo disco significa immergersi nei processi di scomposizione del pensiero alla ricerca di una dimensione parallela con cui identificarsi e magari anche mettere in discussione il proprio presente. La copertina è inquietante e la sconsiglio vivamente a tutti quelli che hanno vissuto un'infanzia difficile a causa dell'eccessiva simpatia dei pagliacci :).
††††††††††††††††††††††††
Enormous - Attentionsbahn (6tx CD, 41'29'' - Sonamiuzik 'o8) - Debut release for almost unknown ENORMOUS. Heavy-psych music project, from Rome and surroundings, featuring members of Hospital, a valid local garage band. Six tracks picturing their most significant and killing long jam-sessions. Something just like it used to be long time ago. You can spot something similar only with splendid opus of Chillum a.k.a. Second Hand, - a band that, according to me, is often erroneously cited with the dawn of brit prog. The first track: She's a man starts quickly to play tricks on listener's perception, wisely right / left sound panning. Following track: Pour it on your head is a crescendo, slower and expanded, with moog and vocals enwrapped in dense delays. Like if it pointed to spell the uncertain movement of a thought, still echoing in the head. That's where the doors of mystery, or better (as written before), of perception open. Anyway, the real bizzarre trip is in Arabs in Manhattan, hanging like if placed between dEUS ' schizoid fantasies of In a bar under the sea and some freaky-blues à la Holy Modal Rounders on their daily acid dose. Enormous look down on, and handle everything with extreme care, without being slavish with any dusty 70s lesson. Their efforts take roots into a traditional style that teems with psychedelic phrasing, yet it also finds its own way to project through more actual territories. Last track Everybody out keeps the initial ambience unchanged somehow, altough it softens up the subject enough to conclude the sonic trip. When You play this CD it is like You bathe into a thinking-deconstruction, to the search of a new parallel dimension You can identify with, and, who knows, even call your present into question. The cover art is disquieting, absolutely not for anyone who had a hard childhood because of clowns excessively friendly :).
read less 
read more 

Feedback:

 federico writes: chissà se han fatto in tempo a rubare il cd dei deus .cmq gli enormous hanno influenze enormi è difficile recensirli, specie se hai la febbre
(15/10/2008 00:52:00 - ip: 79.42....)
 Massimo writes: Heheheh c'avete ragione :). Andatevi però a sentire: A shocking Lack Thereof su In A Bar Under The Sea... Poi se ne potrà ridiscutere.
(14/10/2008 12:28:00 - ip: 93.147...)
 komakinoOpen new window writes: L'altra sera mi ha detto che due tizi gli stavano fregando la macchina, - li ha riconosciuti, erano due dei Deus. Il Cisternino vede i Deus dappertutto. ps. a dire 'due dei deus' ho sputacchiato sulla tastiera
(13/10/2008 17:07:00 - ip: 89.97....)
 federico writes: i deus?
(13/10/2008 17:04:00 - ip: 79.52....)
 Antoine writes: Cisternino for president :)
(05/10/2008 23:32:00 - ip: 79.33....)
Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl