PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Giuseppe Culicchia

Il Paese delle Meraviglie

https://www.inkoma.com/k/790

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
Il buono dell'estate, anzi, una delle poche di buono dell'estate, - è che riesco a finire un libro in pochi giorni. Ma forse non c'entra nulla con l'estate, - c'entra più con il fatto di non esser 9 ore in ufficio, di cui una di pranzo anche se pranzi in 5 minuti e 30/40 per l'a/r casa-ufficio-casa. - Il che un pò mi riporta alla domanda madre che sembra culminare tra le righe de Il Paese delle Meraviglie di Giuseppe Culicchia, ovvero: come sfuggire ad un mondo del cazzo?
Ambientato nel '77, quando da lontano esplode il punk, quando esplode l'italia con il cemento, la CL, le BR, la tv a colori, l'informazione deviata, - è il 14simo anno della vita di un Attilio aka Attila, cui si fa sempre più chiaro l'orizzonte della propria vita che conduce forzatamente ad un destino prefissato, grigio, massivo e spento, cui sarà improbabile sfuggire salvo facendo al più presto quel Qualcosa, magari suonando i fustini del dixan a mò di batteria sinchè non diverranno veri rullanti e tamburi e poi fuggire a Londra con la sorella in un gruppo punk, e sino ad allora combattendo contro l'ora di religione, il bigottismo, la timidezza del primo amore e facendosi coraggio tramite l'amicizia indissolubile col coetaneo Zazzi, irresistibile giovane nazi-anarchico a suo modo, che tiene scritto odio tutti con la biro sulla tshirt bianca strappata.
Lo spaccato raccontato da Culicchia non potrebbe essere più attuale. - Divertente, ridicolo, appassionante nei suoi capitoli brevi di diario, rabbioso, commovente sino alle lacrime, - e sí, cazzo, bisogna fare qualcosa prima che sia troppo tardi.
Per quel che può contare, Culicchia ha in me un nuovo fan.

"[..] Nostra madre non si limita a leggere i Vangeli a ogni santa messa. Ascolta Radio Maria. Canta nel coro. Partecipa alle gite in torpedone organizzate da don Curio. Dal Papa è già stata sei volte. Da Padre Pio sette. Effetti benefici purtroppo zero. Forse dovrebbe provare con Lourdes. Tra un pellegrinaggio e l'altro batte il paese in cerca di abbonati per il bollettino parrocchiale. Lei però legge solo «Grand Hotel». Sa vita opere e miracoli di Santa Carolina di Monaco. Alice e io invece in chiesa non mettiamo piede. Ai preti siamo allergici da un pezzo. È andata cosí. [..]"
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl