PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2019 · 2018 · 2017 · 2016 · {and before that

Denise

w/ Sea Dweller

https://www.inkoma.com/k/783

@ sinister noise, roma, 02 settembre 2007, ingr. 3€.

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard

DeniseDeniseDenise
DeniseDeniseDenise
DeniseDeniseDenise
DeniseDeniseDenise
DeniseDeniseDenise
DeniseDeniseDenise
pics courtesy of Loto Nero

Da un pò seguivo il myspace di Denise, poi finalmente qualche mese fa ho avuto l'ep Twee [leggi passata komarecensio] e l'occasione di sentire Lei & soci dal vivo al sinister noise a roma la scorsa sera.
Inizialmente doveva suonare anche l'ottimo Frigomatic, già La Calle Mojada (in autunno il disco, spero), che è tutto meno che un duo (come scrivevano, facendo gentilmente premessa, su La Voce d'Italia), ma, problemi tecnici e anali, non è potuto esserci, PECCATO, perchè trattasi di un geniaccio del dreampop.
Quindi serata a due gruppi, con fonico il cortese Lorenzer dei Lento, - e allora apre Denise, poco passate le 23,15: 41,66 paganti alla carta, più claque, addetti, fantasmi, - il pubblico si trova a proprio agio seduto a terra, qualcuno con sonno arretrato accanto a me in piedi mi confessa temere il cedimento delle gambe al prossimo colpo di acchiappasogni (bar chimes), mentre (i) Denise sciorina(no) atmosfere dolci e cullanti, sí, twee, tra chitarre alla prima Devics, magici giri di autoarpa (ancora più dream attraverso un vox ac30), elettronica da laptop, linee di basso, e una serie di strumenti gioccattolo o meno pronti all'uso.
La voce di Lei in primo piano, sottile e tenue, - mi ripeterò, ma la trovo avvicinabile ai toni di Emiliana Torrini o The Sundays con un gusto ancora adolescenziale e innocente, - canzoni come Let Them Take You Care, Lovely Baby Lonely, Flowers in the Drawer hanno diritte rilassanti twee pop, fascinose e lenitive, - mentre quando su Your Lies passa il batterista allo xylofono, le coordinate vergono più verso i miagolii dei Múm che ad un indie folk.
Un bel concerto, ahinoi accorciato dalla rottura prematura della fisarmonica giocattolo..
Del live dei Sea Dweller che dire, io su palco pensavo solo a non diventare sordo.
ps. abbiamo un paio di video, ma l'impianto luci del sinister noise tende molto a stile bat cave..

Sea DwellerSea DwellerSea Dweller
[pics courtesy of harmonique]

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl