PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2021 · 2020 · 2019 · 2018 · {and before that

Automatica Aggregazione

w/ Desperate Living + Just a Billy

https://www.inkoma.com/k/778

@ il pioppo, lungo lago delle muse, Anguillara, 5 settembre 2007.

 | Federico Immigrato e Rifugiato
permanent link copied to clipboard

Desperate LivingDesperate LivingDesperate LivingDesperate Living
Desperate LivingDesperate LivingDesperate Living
[photography courtesy by Loto Nero]

Adoro il lago di Bracciano. Sarà anche per il potere taumaturgico delle sue bisteccherie, ma tutte le volte che passo vicino ad alcuni squarci davvero deliziosi delle sue rive o sotto allo splendido castello medioevale ne subisco talmente il fascino che riesco sempre a impostare discorsi estremamente romantici con il mio vicino di Corriera e anche a comprendere l'attaccamento di certi lettori a cose per me incomprensibili come il fantasy cavalleresco.
Vi ammetto cosí che mercoledí 5 mi sarei sorbito anche l'ultima trilogia del mondo emerso di Licia Troisi pur di non perdermi il concerto dei Desperate Living a praticamente 4 metri dalla battigia proprio dentro il Pioppo di Anguillara che, per l'occasione, festeggiava l'uscita ufficiale del primo ep Immaterial del terzetto oltre che il debutto assoluto dal vivo della formazione dei Just a Billy e la presentazione del terzo numero della fanza cartacea Laida Provincia.
Ehm, è per occasioni di release party come queste che a Roma di solito partono mastodontiche campagne pubblicitarie su myspace; tonnellate di spam; reclutamenti di geni della grafica per i flyer e mobilitazioni di un pubblico pagante che poi si aggira immancabilmente intorno alle 6 unità.
Intorno alle dieci invece, qui, nonostante un vento implacabile e incredibilmente gelido per la stagione è già foltissima e calorosa la folla che accoglie sul palco l'ingresso dei Just a Billy gruppo nato da pochissimo, ma già in grado di confrontarsi egregiamente con le dinamiche pelviche di Stray cats e Bone Machine. Nessuno tra gli intervenuti stasera vantava ciuffoloni alla Elvis, basettoni e Brothel creeper, sono pochi però quelli che sono riusciti a non farsi coinvolgere dalle loro tirate Rockabilly o le farneticazioni evangeliche del Piddu. Altri due mesi di prove a manetta e non potremo non affittare una cadillac per andare a rivederli dal vivo.

Desperate LivingDesperate LivingDesperate LivingDesperate Living
Desperate LivingDesperate LivingDesperate Living
[photography courtesy by Loto Nero]

I Desperate Living li seguiremmo ovunque anche in sidecar con tutti i mostri di Narnia.
Al momento sono una delle formazioni più apprezzate da queste parti e il fatto che siano riusciti a calarsi ottimamente con il loro screamo nevrotico e isolazionista anche nell'atmosfera baldanzosa da drive-in da anni '50 creata dai Just a Billy conferma che la loro proposta ha un impatto e una carica emotiva assolutamente trasversale. Rispetto all'ultima prova al Sinister Noise [leggi passato live rep] stasera i nostri hanno dimostrato di poter reggere ottimamente il passo di La quiete ed Endless inertia. Certe propensioni improvvise a soluzioni acide e psichedeliche li renderanno sicuramente una temibile mina vagante di tutto il circuito emo violence.

Desperate LivingDesperate Living
[photography courtesy by Loto Nero]

A seguire siamo stati favorevolmente sorpresi anche dagli Automatica Aggregazione.
E' incredibile come siano andati subito al sodo con uno street oi! aggressivo e teppista.
Sarà per la timbrica del cantante praticamente uguale a quella del grande Steno dei Nabat, il fatto che abbiano citato a piene mani (letteralmente) dai coretti anni '90 dei Fedayn in sud, la cover della storica Nessun pudore degli Basta e il panico alzato nel pit, ma li avremmo visti volentieri veder ripetere la loro scaletta anche cinque volte. Forse ci siamo andati vicini comunque.
Lunga vita ai ribelli OI!
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl