PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2021 · 2020 · 2019 · 2018 · {and before that

Toxic Liptstick

w/ Mushy

https://www.inkoma.com/k/704

Roma 13 ottobre 2007 @ sinister noise.

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard

MushyMushy
Toxic LipstickToxic LipstickToxic LipstickToxic Lipstick

Love never dies, - specialmente se ami uno zombie. - Questo il concetto chiave di una delle canzoni delle due australiane Toxic Lipstick (altre chicche sul fumarsi il vomito 'i smoked your vomit', harry potter, la cacca etc), due tracagnotte pazze come cavalle (vedi foto) una più fuori e bitchy dell'altra, simpatiche, gratuitamente idiote, bruciate, un misto di electroclash, anzi, electrotrash, percussivo e sporco, laptop e pedali echo, + demenza puerile, gusto splatter (tanto di sangue finto a colare dalle bocche), e misto di vocine pubertà e death metal (diversi effetty di octave sulle voci). Sí, lo zombie nella terza foto l'ho aggiunto io, ma praticamente è stato come fosse lí, a ballare come una fatina e a rappare con loro due, - a gettarsi a cadere per terra, mimando amplessi e decessi.
Il folto pubblico di 30 persone ride, non ci crede, qualcuno se ne va, io resto a ridere, e penso che dall'australia queste due si stanno girando il mondo facendo gran festa e pagate. - Il set di 5 o 6 pezzi finisce con una strattonata di troppo ai cavi e fanno saltare tutto, - eppure non si scompongono, e senza microfono dicono 'è veramente finito! andate andate.. e visitate l'australia'. Non scorderò mai il folto nero pelo ascellare di entrambe, - c'è chi mi voleva convincere fosse finto, ma i want to believe.
Ad aprire c'era Mushy, ragazza romana dedita ad una lunga suite di drone, dark ambient, vagamente industrial, un crescendo di arie cupe atempo, malate e seriose (specialmente in vista delle Toxic Lipstick). Forse più una colonna sonora per installazioni che per un concerto dal vivo, - in ogni modo mi è parso che Mushy sapesse come giocare con i di Lei attrezzi, pedali, synth, loop vocali neniose, e i suoi mantra erano piuttosto elevati.

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl