PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Clinic

w/ Dispositivo per il lancio obliquo di una sferetta

https://www.inkoma.com/k/497

Init, Roma - giovedě 15 gennaio 2009, - ingr. 15€

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
Il mio primo concerto del 2009, si comincia bene, e si ricomincia all'Init, con l'acidità psichedelica dei Clinic: certo 15€ di ingresso non sono poche, ma si sa, i dottori chirurghi guadagnano bene.
Aprono la serata i Dispositivo per il lancio obliquo di una sferetta, che non sono i Clinic come dice uno dei tre al microfono, ma certo sono casi clinici di ipertecnica fra Goblin, Battles e Topo Gigio; - non che Gigio suoni epico o fusion, ma di sicuro la voce in continuo cambio di pitch di uno dei tre Dispositivo non faceva che scemare il mio interesse: - tanto di cappello alle capacità strumentali, specie del batterista, - pura furia e talento (anche membro degli eccellenti Ghatanothoa),  - ma per il resto mi pare se la tirassero un pò troppo (- di sicuro tiravano il loro promo, lanciandolo fra il pubblico), e ho cominciato allora a sbadigliare.
Un infinito cambio palco (solo la batteria dei Dispositivo contava 20 elementi, credo), e arrivano i Residents, anzi no, i Clinic, che praticamente in un mondo parallelo potrebbero essere i medici della mutua dei Residents e dei Mummies, - tanto sono capaci di calibrare psichedelia e noise psychobilly, in puro eclettismo. Si montano gli strumenti, poi scompaiono dietro le quinte per andare ad indossare camice e mascherina bianca.
Gli altri muti, è solo il frontman Ade Blackburn che ha dire qualche thanks & cheers, e a presentare i titoli dei pezzi. Con all'organo Jonathan Hartley, canta Distortions, - forse il momento più soft del concerto. - Il pubblico si fomenta presto, molti ballano in prima fila, l'init è pieno, l'età degli astanti è veramente varia, - c'è qualche 50enne anche, - bello a vedersi. I Clinic, se non sbaglio, hanno aperto il concerto con The Witch (Made to Measure), e in circa un'ora di set, a seguire, Corpus Christi, Free Not Free, Shopping Bag. Il primo di due bis è Harvest (Within You), - seguito da una strumentale come finale. La voce acidula di Ade e il controcanto spaghetti-morriconiano di  Jonathan non mi deludono, tanto meno la batteria sincope e il rancido delle chitarre. E la melodica a bocca, sí, c'era pure quella, - come poteva mancare?
Ho registrato il live di Distortions, ma lo consiglio solo ai fan, visto l'audio della mia fotocamera e la fermezza parkinsiana della mia mano, - oltre che lo zoom in/out continuo per evitare il capoccione di chi mi stava davanti.

click to focus
click to focus
click to focus
click to focus
click to focus
click to focus


read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl