PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2018 · 2017 · 2016 · 2015 · {and before that

La Teiera di Russell

NMR

https://www.inkoma.com/k/4583

(6tx CD - Vollmer Industries, Dreamingorilla, Scatti Vorticosi, Tanto di Cappello rec 2015)

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
Molte persone ritengono che la propria biografia consista in un racconto di sé, o peggio, in un tirar fuori i propri sentimenti, come se il meglio di noi,  o il nostro io più alto, consistesse in un raffinamento interiore.
Ok, forse le recenti e fugacissime esperienze editoriali di Bobo Vieri, Scialpi e il gioppino Trapattoni nelle nostre librerie sembrerebbero dimostrare più il contrario.
Se tutti aprissero il vortice del proprio subconscio come hanno fatto i La Teiera di Russell in questo loro NMR però, siam pronti ad accogliere gli sfoghi biografici, di molta più gente, a parte, sí, ex calciatori e divi del pop italiano anni '80.
Non siamo sicuri di esser capaci di spiegare correttamente a voce la storia della metafora della Teiera di Bertrand Russell, da cui il terzetto strumentale prende umilmente il nome.
Siamo certi che il disco del terzetto di Mondoví ci è subito piaciuto.
Oltre alla gamma versatile e sterminata di influenze, va apprezzato il modo in cui i nostri riescono a impostare la loro proposta. 
Combinare prog, jazz e post-rock sembrerebbe sempre una cosa seria e presuntuosa.
Loro pur partendo in modo epico e con suite da quindici minuti riescono a essere decisamente concreti e diretti, animandosi emozionalmente come farebbero gli And You Will Know Us... e argomentando con una tecnica che omaggia i King Crimson e gli Emerson Lake And Palmer
Più che math, come abbiamo letto da qualche parte, il loro fluido ci sembra supportato da scie che a tratti ricorderebbero addirittura i Godspeed You! Black Emperor se, in episodi come Pezzo 35 non si tetrisaesizzassero in ritmi da videogioco o calci in culo zigano.
Vecchi tromboni si lamentano sempre che ora la vita è più facile che si può ascoltare cosí tanta musica in maniera istantanea e indolore. La Teirea di Russel dimostra che il rovescio della medaglia è roseo e promettente, e che a vent'anni si può fare un disco che negli '80 si poteva fare dopo quattro lustri di ascolti e ricerche infruttuose da negozi specializzati come Disfunzioni Musicali



read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl