PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Alvvays

s/t

https://www.inkoma.com/k/4469

(9tx CD, 32'55'' - Polyvinyl rec 2014)

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
Il grosso studioso di puericultura e psicologia infantile Bruno Bettelheim ricordava spesso che nelle fiabe classiche si evitava di dare un nome di battesimo ai protagonisti per provare a favorire l'immedesimazione tra i bimbi e i vari personaggi. Poi però capita che i bimbi ogni sera ti chiedano come si chiamano - davvero - Cappuccetto Rosso e allora capisci che più che leggere libri su come interpretare le favole, l'importante è riuscire sempre ad avere tempo per raccontarle. 
Allo stesso modo, gli/le Alvvays sono il classico gruppo che più che farti porre il problema di quale genere suonino, ti fanno venire voglia di ascoltarlo e basta, senza preoccuparti se da Disfunzioni il loro cd magari si trovi tra l'alternative  (Adult Diversion) o il twee surf (Archie Marry me). 
La cosa poi nel loro caso vale doppio, perché il pop disturbato e instabile che li caratterizza ha davvero mille sfaccettature e contraddizioni. L'aspetto più sorprendente è come Molly Rankin e gli altri riescano al tempo stesso a lanciarsi in melodie killer pur mostrando una specie di impaccio da neofiti, o fortuna da principianti, se preferite. 
L'attitudine è quella di Camera Obscura o Vivian Girls, ma più come se il tutto fosse un'umore che gli è rimasto casualmente andando a qualche djset che non una scelta artistica consapevole. Per certi aspetti ci hanno ricordato anche le cose più semplici e recenti dei Pastels, ma con una acconciatura meno sociopatica e più voglia di uscire la sera. 
Non possiamo trattenerci dal dire che la cantante è irresistibile, non solo per la carnagione bianca come uno dei Sex pistols, ma per il suo portamento da finta saputella simpatica. Quello che non riuscirebbe ad essere mai Sofia Coppola, nemmeno se non avesse paura a mettere gli shorts corti o smettesse di pensare che le ville di Beverly Hills fossero il centro del mondo.


.ˇ´¯¯`ˇ. .ˇ´¯¯`ˇ. 
   °  °     /_ .K ..ˇ 
ˇ..  ē  .ˇ 


Famous child psychologist Bruno Bettelheim used to say that in most of classic fairy tales you won't find first names for the protagonists, this, to avoid the identification between the children and the various characters. 
But then it happens that some night your kids will ask you how they're really called - for real - Little Red Riding Hood and then you realize that more than reading books on how to interpret the stories, the important thing is always to have time to tell them entirely. 
Similarly, Alvvays are the classic group that more than make you ask the question of what kind of Music they play, they make you want to listen to it and nothing else, without worrying of how a record store would tag them, if under alternative (Adult Diversion) or twee surf (Archie Marry me)
And their case gets even more troubled, because their disturbed and unstable pop music which so characterizes them, it has really many facets and contradictions. The most surprising aspect is how Molly Rankin and the others at the same time are able to embark on killer tunes while showing a kind of newbies's embarrassment, a sort of beginners luck, if you prefer. 
The attitude is similar to Camera Obscura or Vivian Girls, but more as if everything was under a mood that has been forged by going randomly to some particular DJ sets, more than for a conscious artistic choice. 
In some ways they reminded us of even of The Pastels' recent new record, but with a hair less sociopath, and more willing to go out at night. 
We can not refrain from saying that the singer is irresistible, not just because of her white skin, white as one of the Sex Pistols, but for her habit of nice mock nerd. What Sofia Coppola would not be ever able to be, even if she did not fear to wear shorts, or she stopped to think that the villas of Beverly Hills were the center of the world.




read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl