PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2019 · 2018 · 2017 · 2016 · {and before that

Irvine Welsh

La vita sessuale delle gemelle siamesi

https://www.inkoma.com/k/4439

[432 pp - Guanda, 2014]

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
Nel suo ultimo libro, La vita sessuale delle gemelle siamesiIrvine Welsh ironizza sul fatto che quasi tutti, prima o poi, ammettono di voler fare gli scrittori. Se si pubblicasse ogni romanzo concepito sullo sgabello di un bar - puntualizza - non resterebbe nemmeno un albero su tutta la terra di Dio.
Più o meno siamo d'accordo, ma sappiamo anche che se togliessimo tutti i romanzi in cui c'è almeno una scena di sbronza, sesso sciatto, risse o mortificazione sociale, probabilmente rimarrebbe con tanta desertificazione in mano pure lui.
Dopo Trainspotting, l'esordio che lo catapultò sul trono della famigerata chemical generation, l'autore non si è schiodato di un centimetro da certe ambientazioni tossiche e le transaminasi alte. Più che a nausearci però, a forza parlare di pasticche, alcool dozzinale e disfunzioni affettive, Welsh ha indotto pure a noi una specie di assuefazione inconscia e compulsiva per i suoi racconti. Pur facendoci sprofondare sempre negli stessi vizi, l'ex spazzino scozzese riesce a creare una familiarità con i suoi personaggi e la loro resistenza al male che non ha molti eguali nella letteratura indie britannica.
Dopo la sua personalissima versione junkie-sadica di Dorian Gray con i Segreti erotici dei grandi chef e aspettando anche in Italia l'uscita della versione cinematografica de Il Lercio abbiamo accolto con piacere e manica arrotolata il suo nuovo La vita sessuale delle gemelle siamesi.
Ambientando il romanzo in una Miami iper-salutista e palestrata, Welsh predispone un contrasto luminoso e accecante rispetto ai gusci della Corea a cui solitamente ci aveva abituato. Paradossalmente, inscenando corpi cosí nudi di fronte ai vetri dei centri benessere, fa ancora meno fatica a sviscerarne manie e dipendenze. Tutti gli shock della vita di Lucy Brennan sono caleidoscopizzati in un pov molto più estremo e deviato di Smack my bitch up dei Prodigy.
Welsh non sente la mancanza di Edimburgo si è adattato platealmente alla TV di Miami. Inutile dire che la sua personalissima assuefazione ai reality e ai Breaking news trash statunitense ha prodotto qui la sublimazione più cruda e violenta. Ne La vita sessuale delle gemelle siamesiWelsh abbandona le iperboli e i meccanismi di coscienza memorabili di Colla, per dedicarsi ad una scrittura più veloce e diretta. Sviluppando il rapporto controverso tra Lucy e Lena, l'autore esorcizza in modo folgorante l'odierno concetto di dipendenza e controllo nella Florida. Se si pensa ai recenti casi di cronaca con i sequestri e le prigionie durate anni, alcune pagine hanno davvero un riflesso agghiacciante e fanno quasi pensare al tremendo Cargo 200 di Aleksej Oktjabrinovič Balabanov. Con questo ennesimo capitolo forse Welsh assorbe e somatizza più del dovuto il concetto di serialità nel senso di trasmissione tv a episodi, ma il suo punto di vista riesce a sintetizzare in modo ancora efficace quello che succede nei cessi di Miami e che nessuna Lonely Planet racconterà mai.  
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl