PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2019 · 2018 · 2017 · 2016 · {and before that

Heroin in Tahiti

Caligola

https://www.inkoma.com/k/4434

(6tx cassette, No=fi Recordings, 2014)

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
La settimana dopo ferragosto, menzione d'onore per Canicola di Heroin in Tahiti
Ok, ci arrivano chiacchere sul fatto che forse questa è stata un'estate anomala. 
Quelli di Studio Aperto probabilmente si saranno ammazzati di pippe con tutta questa pioggia fuori stagione.
Noi grazie al duo di base a Roma est però, già da luglio, abbiamo svoltato una nostra personalissima percezione del concetto di calore e giallo solare.
Non sappiamo se Mattioli e Figueiredo intendano il loro monicker anche in una prospettiva dicotomica. Dopo l'estetica tendente ad una Polinesia paurosamente distorta della copertina di Death Surf, i nostri – ora - dovendo scegliere se chiamare l'agenzia viaggi per un volo per Papeete o uno spacciatore parrebbero molto più incerti.
Non è che volevamo fare una spiata alla polizia. Ci tenevamo a dire che se fino a quindici anni fa guardare la tv con il volume abbassato, lo stereo a palla e il video citofono acceso poteva essere il sintomo di un degrado sociale e un abbruttimento relazionale, con Canicola i nostri sembrano guidare - da lí - l'evoluzione della specie.
Con un surf trance sparpagliato, i nostri sembrerebbero in grado di ricordare a memoria qualche verso del buon Rocco Scotellaro anche ascoltando qualcosa del duo Franco Evangelisti- Mario Bertoncini, guardando un vecchio documentario di Vittorio de Seta sui pescatori siciliani e aspettando la chiamata di un amico che è indeciso se fargli vedere le foto del mare in Polinesia o un poster di Lee Van Cleef con il cappello.
E' chiaro che gli Heroin in Tahiti non hanno la competenza tecnica del membro più scarso dei Nuova Consonanza, ma hanno un gusto eccelso nell'assemblaggio dei campioni e un certo bucio di culo nelle trovate sceniche per le ambientazioni dei loro personalissimi voodoo. Pare che i Beach Boys se la menassero tanto con il surf, ma che solo uno di loro sapeva andare (male) sulla tavola. I due possono anche non esser mai stati a Papeete, ma se mai li incontreremo sapremo quale numero battergli.  

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl