PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2018 · 2017 · 2016 · 2015 · {and before that

Roma Pop Fest 2014

16 giugno 2014

https://www.inkoma.com/k/4390


 | Michelaccino
permanent link copied to clipboard
Assisto alla prima delle due date del Roma Pop Fest 2014 al Traffic, a Tor Sapienza, quartiere periferico e, in questo lunedí di giugno, anche piuttosto uggioso. 
In realtà il mio arrivo coincide con l'esibizione dei The Fucking Shalalalas, giovine duo indie-folk romano. Chitarra acustica per Lui, violino per Lei.  Due voci. Piacevoli anche se non molto originali. Sospesi tra indiepop e indiefolk. Echi belleandsebastiani, sapori svedesi, insomma, malinconie dolci supportate da non pochi fan che sanno addirittura i testi delle canzoni a memoria.
Il pubblico è composto da ben oltre un centinaio di persone. Prevalentemente universitari neo-indaroli, presi molto bene dalla situazione musicale, anche se bagnaticci e interessati anche dal bancone alcolico e dalle sigarette.
Subentrano alle undici inoltrate i Fear of men. Band di cui assolutamente ignoravo l'esistenza. Scopro dopo poco che sono inglesi. Sono in quattro e sin dalla prima canzone rimango impressionato dalla compattezza live, dalla qualità del suono e dalla voce intonatissima e piacevolissima della cantante. Melodie accattivanti a ritmi medio-sostenuti, di marca pop wave à la Heavenly, Stereolab e Lush. Insomma scuola indiepop inglese di fine '80 primi '90, con pizzichi gaze e drampop. Diciamo che la qualità del cantato potrebbe addirittura ricordare i Beach House. Complimenti vividi. 
Sotto la pioggia, dopo l'ennesima pausa, rientro per assistere al gruppo principale, niente poco di meno che i The Pains Of Being Pure At Heart. Ma dopo avere assistito alle prime due canzoni subentra la stanchezza che mi fa andare dritto dritto a casa.
D'altronde il gruppone della serata alla fine già me l'ero inaspettatamente goduto. 
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl