PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2018 · 2017 · 2016 · 2015 · {and before that

Belleville Comics

Fumetteria Torinese

https://www.inkoma.com/k/3906

Komakino consiglia

 | enrico gregorio
permanent link copied to clipboard
Ci sono un sacco di cose migliori del doversi far staccare stalattiti di ghiaccio da sotto la punta del naso.
Leggere fumetti per esempio. Ammetto con gratitudine che le temperature polari delle ultime settimane mi hanno permesso di passare giorni e giorni a fare entrambe le cose. Meno venti qui a Cuneo, non so  se l'avete sentito. Cosí nelle ore di luce: scarica il tetto dalla neve, getta sale sul marciapiede e sgela le tubazioni con il saldatore a gas butano. La sera invece, raggomitolato vicino al termosifone a leggere
fumetti. Perché i fumetti sono come biscotti che più ne hai più ne vorresti.
Lucia Biagi è una delle persone che i fumetti ci lavora e ci passa il tempo libero. Lei, assieme al suo fidanzato, gestisce una bella fumetteria a Torino che si chiama Belleville Comics in via Sacchi 44. E ha anche realizzato gli albi “La Guida Del Belgio” e “Pets” che potete trovare qui, il suo sito.
Un negozio che non è solo un negozio ma anche una galleria dove sono passati il fumettista Tuono Pettinato e l'illustratrice Giulia Sagramola (entrambi tra i migliori nomi della grafica italiana). E che desidera essere riconosciuto come un accogliente punto di ritrovo per estimatori e amanti dei fumetti.
Una scelta di vita interessante che la vede alle prese con un campo che gode di un grande seguito da parte dei lettori.

***



Enrico Gregorio / komakino: Chi e in quanti siete a gestire Belleville Comics?

Lucia Biagi / Belleville Comics: La fumetteria è gestita da me e dal mio fidanzato (Alessio Marchetti), lavoriamo quasi sempre insieme sia perché il negozio è molto grande sia perché cosí io posso prendermi più tempo per disegnare e portare avanti parallelamente l'attività di illustratrice e fumettista.

E.G.: Da dove viene il nome?

Lucia Biagi / Belleville Comics: Il nome Belleville l'abbiamo scelto in onore al quartiere di Parigi, in più è un rimando al film d'animazione francese "Appuntamento a Belleville", che è una figata incredibile, se non l'hai visto te lo consiglio!



E.G.: Quando è nata?

Lucia Biagi / Belleville Comics: La fumetteria in realtà è nata molti anni fa, ha avuto diversi cambi di proprietario però noi abbiamo iniziato a lavorarci nell'estate 2010. Era un po' lasciata a se stessa, tipo cane abbandonato tutto spelacchiato. Noi gli abbiamo fatto una bella toelettatura, l'abbiamo pettinato e gli abbiamo insegnato a fare i bisogni fuori.

E.G.: Oltre che vendita di fumetti però viene anche utilizzata come galleria giusto?

Lucia Biagi / Belleville Comics: Proprio nell'ottica di cambiare direzione al negozio abbiamo deciso di lasciare uno spazio, visibile anche
dalle vetrine, per allestire mostre. Durante quest'anno di attività abbiamo esposto, oltre ovviamente ai miei lavori, Tuono Pettinato, Giulia Sagramola, e altri fumettisti di Torino come Fabio Tonetto, Ramiro Rossin.
Attualmente è allestita la mostra di tavole estratte da Amenità -Cap.1 Dinosauri-, un albo a fumetti collettivo che abbiamo prodotto a marchio Belleville. La serigrafia in copertina di Philip Giordano è il nostro piatto forte!

E.G.: Mi dici anche i nomi degli autori di oggettistica handmade che avete lí? Mi sembra quella che fa vegetali all'uncinetto, che fighi.

Lucia Biagi / Belleville Comics: Per quanto riguarda l'handmade abbiamo amigurumi (i giocattoli lavorati all'uncinetto), pupazzi, borse, astucci realizzati da me. I teneressimi amigurumi di Ylenia . E anche accessori serigrafati di Giulia Sagramola. E ci stiamo attrezzando per ricevere nuove succulente prelibatezze.



E.G.: Avete qualcosa in particolare da segnalare per i prossimi mesi?

Lucia Biagi / Belleville Comics: Abbiamo in cantiere un paio di presentazioni di albi a fumetti con gli autori presenti per disegnare e sbevacchiare, ci piacerebbe anche iniziare ad organizzare con regolarità dei workshop nel fine settimana ma per ora non possiamo spoilerare troppo!

E.G.: Perché hai scelto di dedicarti a una fumetteria?

Lucia Biagi / Belleville Comics: Leggo e vivo immersa nei fumetti da quando ho dodici anni, ho iniziato a disegnarne di miei quando ero al liceo ma purtroppo il solo lavoro di disegnatrice non mi permetteva di mantenermi. Era la più ovvia Conclusione, ora ho tutto il materiale consultativo che voglio e risparmio un bel po'!

E.G.: Come è stato iniziare, quali difficoltà avete incontrato agli inizi?

Lucia Biagi / Belleville Comics: E' stato difficile imparare tutto da zero. Alessio è laureato in infermieristica e io in ingegneria informatica, le nostre competenze commerciali erano nulle. La cosa più difficile per me rimane gestire la parte economica, l'incertezza continua e il dover trattare con la clientela. Senza contare che io comprerei sempre tutto quello che esce, per fortuna c'è Alessio a fermarmi.



E.G.: Responsabilità e impegni quotidiani nell'avere un negozio di fumetti?

Lucia Biagi / Belleville Comics: Lavoriamo sempre tutti e due dal lunedí al sabato e spesso la sera dobbiamo fare gli ordini per i mesi successivi e rispondere alle mail. Praticamente non stacchiamo mai. Per fortuna (o forse no) ci sono dei momenti in cui in negozio c'è pace e io possono scappare sul soppalco, dove ho il mio studio, a disegnare.

E.G.: Che dimensioni ha il "pubblico" che legge e compra fumetti?

Lucia Biagi / Belleville Comics: E' vario ed è sempre più vasto. Ci sono i signori per bene con una lista perennemente incompleta di albi di Manara, collezionisti e lettori di Bonelli che per venti cent vogliono portarsi a casa la collezione di Tex dagli anni 60 ad oggi, i ragazzi lettori di comics con la cintura di Batman e l'anello di Lanterna Verde e una vasta tipologia di fanatici di manga che si presentano con nomi giapponesi anche se poi di cognome fanno Capuozzo. Chiunque può varcare quella soglia, ne avremmo tante da raccontare... se ne vuoi qualcuna anonima possiamo accontentarti... Clerks di Kevin Smith ci fa una pippa!

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl