PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Fine before you Came

Ormai

https://www.inkoma.com/k/3892

[7tx CD, 24'' - 2012 Triste / La Tempesta records]

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
In fondo il nostro rapporto d'amore unilaterale con i Fine before you came è anche riuscito a farci comprendere bene cosa provano quelli che sul treno ci si mettono accanto e si sentono Fabri Fibra o la musica balcanica dal telefonino a tutto volume.
Da quando è uscito Sfortuna del resto, siamo un pò come Tyler Durden e non ci rendiamo bene conto di quando lo cantiamo ad alta voce e quando mmugoolando come i migliori Crash Test Dummies. Sia che stiamo in Public, Outdoor o in Office.  
Sfortuna è il disco italiano degli ultimi 23 o 24 anni dopo tutto.
Ormai fatta la cosa giusta, siamo convinti che i Fine before you came potevano sentirsi la testa pesante come Tarantino dopo Pulp Fiction che a quel punto ha fatto Jackie Brown, mica cazzo.
E infatti più che cercare di riprodurre forzatamente l'alchimia di perfezione complessiva generale, in Ormai i nostri lavorano sul particolare e il dettaglio lasciandosi la mano in una costruzione narrativa e piena di flashback urticanti tipo L'anno scorso a Marienbad di Alain Resnais.
Ok, viene da fare per forza il paragone, e dopo i primi 23-24 ascolti non è facile, meno male che ci sono pezzi strabilianti tipo Dublino o Capire Settembre la cui ossessività chitarristica emozionale sull'inizio è talmente intensa che sembra quasi gothica, per dire.
Più che ad appartenere all'alchimia complessiva generale di Sfortuna, quei due brani starebbero a pennello anche nell'idealtipo del disco bello-bello perfetto in generale. Forse non tutti i pezzi del disco hanno quell'impatto, ma i cori sono quasi sempre strepitosi e anzi per enfasi e foga danno quasi l'idea di una versione screamo post emo dei Diaframma che cantano tutti uno sopra l'altro.
Il buon Iacopo forse non ha la piacenza del grande Fiumani, ma è come se avesse una forza propositiva molto più coinvolgente, specie nel calamitare i buoni propositi di tutta la scena.
E' incredibile come anche in Ormai, pur riuscendo ad azzeccare riff sempre vincenti, riescano a conservare un gusto per le battaglie perse inossidabile e irrsistibile.
7 pezzi su Sfortuna, 7 su Ormai, cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia.

.·´¯¯`·.    .·´¯¯`·.
  °   °     /_ .K ..·
·..  º .·

After all, our one-sided love affair with Fine before you came is also managed to make us understand how people feel when they're on train, and someone gets close listening to Fabri Fibra or any Balkan music at loud volume through the speaker of their cellphone.
Since they released Sfortuna, we feel a bit like Tyler Durden and we don't really realize we're singing it too loud, even whining à la Crash Test Dummies. In public, outdoor, as well in office.
Sfortuna is the best italian record of latest 23, 24 years, after all.
Now, once they got their work done, we're pretty firm about how Fine before you came may feel, heavy head à la Tarantino after Pulp Fiction, and how ended to film Jackie Brown, mica cazzo.
That's why, more than looking to double the perfectionism of a general and complexed alchemy, with Ormai, ours work on details and specific aspects of a narrative construction, full of cutting flashback, like Last Year at Marienbad - Alain Resnais.
Ok, of course, a comparison is due, and after the first 23-24 plays is not easy, thank goodness that there are amazing tracks like  Dublino as well as Capire Settembre, whose the obsessive emotional guitar on the beginning is such so intense that it sounds goth, let's say.
More than sharing something the key of Sfortuna, those two songs totally match with the idea of something truly awesome and perfect in general.
Maybe not all of the tracks from this record have this impact, but each chorus is almost perfectly amazing, - I'll say more, - emphasis and heat give almost the idea of ​​a post-emo, screamo version of Diaframma, like singing all one above the other.
Probably our pal Iacopo is not pleasant as Fiumani, but it is like he's got the strenght of attracting the good intentions of the whole scene.
It is also pretty amazing that in Ormai, even if they play a load of winning riffs, they manage to preserve a taste for lost and stainless steel battles.
7 tracks on Sfortuna, 7 on Ormai, changing the order of the operands does not change the end result.


read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl