PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2019 · 2018 · 2017 · 2016 · {and before that

Heisenberg

Immaginarie linee matematiche tra cielo e terra

https://www.inkoma.com/k/3886

(5tx CD, 18'' - Kill Rock Whores rec 2012)

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
Nella morale sociale, Benoít Malon sosteneva che la saggezza suprema nel nostro tempo consiste nel riuscire a pensare da pessimisti e ad agire da ottimisti.
Gli Heisenberg da Roma in un certo senso, con il loro Immaginarie Linee Matematiche Tra Cielo e Terra, sembrano personificare questo bilanciamento esistenziale. Sospesi tra l'umore instabile e pre-emozionale di Rites of spring e Mineral e la furia ultraoperativa diy degli inarrivabili La quiete infatti è come se i nostri avessero la pala giusta anche per scavare un ipotetico tunnel sotterraneo che collega la casa claustrofobica dei mai troppo compianti Born against con la vastità e la sterminatezza della visione delle terrazze più alte da cui si sono mai affacciati gli Envy. Il principio di indeterminazione nella fisica quantistica caro proprio al vecchio Werner Karl Heisenberg implicava tutta una serie di riflessioni su come Terra e Universo, Uomo e mondo non sono termini contrapposti, ma terminali e complementari di uno scambio continuo di messaggi comunicativi. La monumentale montagna rocciosa della copertina è come se raffigurasse minacciosamente questa sorta di contiguità paurosa tra il cielo e la terra omaggiata nel titolo. 
Sarà che ci ricorda il booklet di An Anthology of Dead Ends dei Botch, ma a noi ci predispone per il meglio. In generale pur pescando dalla tradizione dell'hc italiano e riallacciandosi certe tirate declamatorie care ai Kafka, gli Heisenberg dimostrano di avere uno sguardo rivolto al futuro e e una predisposizone a trarre il meglio dalle fonti extra musicali da cui attingono. Oltre Carver e DeLillo, ci fa piacere anche constatare una luce chiarificatrice sul controverso incontro di Copenaghen.
Ottima come al solito la produzione di Valerio Hombrelobo. Non è del tutto chiaro se lui scelga gruppi da paura o che voglia imporre reconditamente la sua impronta su tutti i lavori che produce, ma il risultato è buono buono.

.·´¯¯`·.    .·´¯¯`·.
  °   °     /_ .K ..·
·..  º .·

In social morality, Benoít Malon argued that the supreme wisdom in our time is to be able to think pessimist and act optimistic.
Heisenberg, from Rome, in a sense, with their Immaginarie Linee Matematiche Tra Cielo e Terra, seem to embody this existential balance.
Suspended between the changes and pre-emotional moods of Rites of spring and Mineral, and the fury of the operational and unreachable DIY of La quiete, it is as if they had the right shovel for digging a hypothetical tunnel connecting the house of claustrophobic Born against with the breadth of vision of the higher terraces Envy have ever popped up. The uncertainty principle in quantum physics, indeed dear to Werner Karl Heisenberg, involved a series of reflections on how the Earth and Universe, Man and the world are not opposing terms, but additional and terminal, into a continuous exchange of communicative messages. The monumental rocky mountain of the cover is like it menacingly got that idea of connection among the proximity of heaven and earth, mentioned in the album's title.
Maybe it's because the booklet reminds me of An Anthology of Dead Ends (Botch). In general, even if they take a lot from the roots of the local italian HC scene, they have like an open eye on future, and then an open mind.
Besides Carver and DeLillo, we appreciate to find a clarification about the controvertial meeting in Copenaghen.
Excellent as the sound production, by Valerio Hombrelobo. It's not that clear if it's him who chooses great bands, or if he unconsciously wants to impose his own trademark sound on all the works he produces, yet the result is good good.



read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl