PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

No Hay Banda

Komakino (s)consiglia

https://www.inkoma.com/k/3879

Live a Roma domani, 25 gennaio 2012

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
Si narra che il grande economista di Yale Irving Fisher avesse un pappagallo ammaestrato a rispondere sempre a tutte le domande degli studenti - eh si è la legge della domanda e dell'offerta...-.
Non sappiamo che animali da compagnia abbiano addestrato, Virgin Radio, Radio Rock e la maggior parte dei locali che fanno musica dal vivo a Roma, ma abbiamo la vaga sensazione che tendano un po' a giustificarsi tutti - per lo stato della loro linea editoriale - con lo stesso tipo di risposta.
Per uscire da questa situazione di stallo e cominciare a non vederci più imporre Morgan o Castaldo come il referente del rock e dei giovani in Italia forse dovremmo tutti cominciare a fare quadrato noi in prima persona e seguire un pò di più dal vivo le band che stanno concretamente cambiando il corso delle cose.
I No Hay banda per esempio. Immaginiamo che tutti in città abbiano apprezzato almeno uno dei tanti progetti live o da studio che ha caratterizzato il percorso di questi musici. Dopo aver stravolto la scena del grind rock'n roll-punk con Flu! e Inferno il Dr. Reeks e Lele sembrano inseguire in modo stabile dal 2004 un flusso compositivo ampiamente contaminato dal Jazz, il progressive e il supporto del maestro Allulli. Per Hayden Carruth libertà e disciplina trovano una sintonia solo nell'estasi. Non sappiamo che mood raggiungano in concerto Lele egli altri, ma sinceamente il loro set al momento è uno dei pochi che trasmette un concreto principio di libertà assoluta.
La tecnica inconfondibile del dr. Reeks, che per chi non lo sapesse suona contemporaneamente basso e chitarra come se fossero due tastiere è il simbolo inconfondibile di un terzetto che in ogni momento sembra di confrontarsi con il doppio dei registri possibili sintetizzandoli sempre nella soluzione più inaspettata e devastante.
Ne abbiamo parlato pochissimo tempo fa in occasione della loro esibizione al Fusolab.
Siamo lieti di segnalare comunque che mercoledí 25 gennaio, nall'ambito delle serate di Mainstreaming i nostri saranno di scena a Le Mura di San lorenzo a roma. con intervista del buon Polverari sempre in diretta su Fusoradio.
Siateci.
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl