PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Zola Jesus

Live Roma, 08/12/2011 @ Circolo degli artisti, ingr. 10 euro

https://www.inkoma.com/k/3845

w/ Bachelorette

 | mike thumb
permanent link copied to clipboard
Bachelorette è il progetto dream pop della neozelandese Annabel Alpers, definito: a one-woman band involved in psychedelic computer folk music. Ed in effetti, appena varchiamo la soglia della sala concerti del Circolo degli Artisti, la troviamo occupata ad addomesticare due laptop, campionare tastiera , chitarra e voce con personalità davvero notevole.
Un preciso lavoro di stratificazioni ed incastri , nuance synth-pop, sferzate Kraut a radiografare impalcature 8-bit. La Alpers praticamente non sta ferma un attimo nel costruire - nel vero senso della parola - ogni singolo layer di ogni benedetta canzone: c'è una sorta di fascinazione ipnotica nel seguire i suoi gesti e si ha la sensazione che il cliché della dialettica uomo-laptop sia finalmente passato ad un livello superiore. Al contrario di Bachelorette, Nika Roza Danilova, aka Zola Jesus, si accompagna ad una line up in puro stile goth: tre synth a sgranare bassi e levigare pad metallici ed eterei ed un batterista in martellante stato di grazia.
La cosa più evidente è però che quella Zola Jesus che ieri sera era sul palco è una lontana parente di quella che ricordavamo: praticamente una figura ectoplasmica.
Una capigliatura biondo platino in luogo di quella corvina, un'attitudine da vera e propria mattatrice e non più solamente figura statica ed esoterica.
L'intero live set è consacrato all'esecuzione del suo terzo ed ultimo lavoro full length Conatus, che nel titolo racchiude forse proprio il senso di liberazione violenta da un'identità che oggi non le appartiene più. Il prezzo da pagare per questa eccessiva pulizia nella produzione è la scomparsa dell'urgenza che caratterizzava i precedenti dischi e che ora la vede orchestrare canzoni al limite della dance, rischiando talvolta di calcare la mano in maniera imbarazzante. Nulla o poco rimane della sua passione per la bassa fedeltà, il rumore, le atmosfere dreamy e decadenti.
Rimane la sua voce - una gran voce - oggi come mai in primissimo piano.
Dall'inizio alla fine del suo set la vediamo dimenarsi e correre da un lato ad un altro del palco come braccata da Erinni eppure quello che ci chiediamo è se sia l'inizio di qualcosa di completamente nuovo, di un fuoco sacro diverso e travolgente, o la fine di qualcosa che ha lasciato un segno nei nostri ascolti. Se è proprio quello che ci aspettavamo. La certezza sta nella sensazione che si voglia alzare il tiro e che già i media comincino a dipingerla come la versione alternativa di Lady Gaga, nemesi oscura e minimale dell'eroina della pop music. E alla sola idea la pelle inesorabilmente si accappona.
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl