PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Giovanni Hanninen

Rendering the city

https://www.inkoma.com/k/3819

28/10-25/11 Milano, Assab One, via Assab 1, ingr. gratuito

 | enrico gregorio
permanent link copied to clipboard
Esistono molti modi di comunicare attraverso la fotografia. E ne esistono altrettanti che invece non comunicano niente, anzi che ti infastidiscono soltanto, come i migliaia di inviti a votare le proprie foto per il concorso leica 24x36. Non so se a qualcuno è capitato lo stesso, però su diversi social network un sacco di utenti che non sentivo da una vita si sono improvvisamente materializzati per invitarmi a votare i loro gioielli fotografici. Naturalmente non ho votato niente.
Giovanni Hanninen, milanese, invece è nella sottile categoria di quelli che con la macchina fotografica in mano hanno qualcosa da dire. Lo aveva già dimostrato alla mostra “Milano Un Minuto Prima”, tenutasi quest'estate, dove il tema era appunto raccontare una città contraddittoria e affascinante come Milano. Lui c'era riuscito con uno sguardo razionale ma anche vivo, mostrando alcuni cantieri della fiera expo 2015. Costantemente presente era la presenza umana, considerata un elemento importante quanto gli edifici architettonici raffigurati, o i cantieri. L'interrogativo che ne nasceva era: lo spazio intorno a noi si sta evolvendo a misura di uomo?
Ed è proprio da questa convinzione che si sviluppa la sua nuova mostra Rendering The City, che si terrà a Milano dal ventotto ottobre al ventisette novembre. Avete presente quelle elaborazioni grafiche un po' noiose di edifici che verranno costruiti? Una volta si facevano i modellini, oggi, si utilizzano queste elaborazioni, con gli alberelli, le personcine senza volto e perfino le ombre. Tutto a uso espositivo, per dare un'idea. Ecco quelle elaborazioni sono dette Rendering, e proprio dal ribaltamento di questo concetto che ha inizio la mostra di Hanninen. Raffigurare questi edifici una volta realizzati per cogliere come si sono trasformati una volta avuto l'inizio l'interazione con le persone.
Uno sguardo intelligente sulle grandi trasformazioni urbane descritte come con i cantieri per la Expo 2015, per non dimenticare l'importanza della vivibilità degli spazi; e la costante attenzione alle persone ancora una volta al centro delle sue immagini. Per comunicare qualcosa per l'appunto. Andate a fare un giro a “Rendering The City”, l'ingresso e gratuito, e poi mi dite se vi ha fatto lo stesso effetto delle foto dei gattini che avete visto per leica 24x36.

Per maggiori informazioni visita: hanninen.it/../rendering-the-city/

Immagini coperte da Copyright © Giovanni Hänninen

All rights reserved / Tutti i diritti riservati






read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl