PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2022 · 2021 · 2020 · 2019 · {and before that

Referendum 12-13 giugno 2011

Avotar

https://www.inkoma.com/k/3640

Votare Sì per dire No!

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
Io andrò a votareper tutte le schede del Referendum del 12-13 giugno.

La valanga - come mi auguro - di Sí a questo referendum mostrerà la vergogna di un Paese per la propria classe politica (al potere, e grazie a Di Pietro per questo referendum) che ha reso necessario l'intervento del cittadino comune, prendendolo in giro prima (ignorare l'esito popolare del precedente referendum sul nucleare nel 1987), durante (l'ignobile tentativo di insabbiare nel weekend il quesito sul nucleare, la comunicazione errata delle date ai TG nazionali), e - speriamo no, - anche dopo.

***


Quando si vota

Le ope­ra­zioni di voto si svolgono Do­me­nica 12 giu­gno 2011, dalle 8:00 alle 22:00 e Lu­nedí 13 giu­gno 2011, dalle 7:00 alle 15:00.

Dove si vota

Gli elet­tori de­vono vo­tare nel pro­prio Co­mune di re­si­denza, nella se­zione elet­to­rale in­di­cata sulla prima fac­ciata della tes­sera elettorale.

Re­fe­ren­dum, in campo la so­cietà ci­vile: Quat­tro sí per cam­biare l'Italia

È im­por­tante – il 12–13 giu­gno – rag­giun­gere il quo­rum di 25 mi­lioni di vo­tanti ai Re­fe­ren­dum e sce­gliere il SI a tutti i que­siti. 

***


Primo quesito - scheda rossa (Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Abrogazione)
Volete voi che sia abrogato l'art. 23-bis (Servizi pubblici locali di rilevanza economica) del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 recante «Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria», convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dall'art. 30, comma 26, della legge 23 luglio 2009, n. 99, recante «Disposizioni per lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia», e dall'art. 15 del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, recante «Disposizioni urgenti per l'attuazione di obblighi comunitari e per l'esecuzione di sentenze della corte di giustizia della Comunità europea», convertito, con modificazioni, dalla legge 20 novembre 2009, n. 166, nel testo risultante a seguito della sentenza n. 325 del 2010 della Corte costituzionale?

Viene chiesto se abrogare del tutto la norma sulla privatizzazione dell'acqua.

Votare “SI'” per abrogare la norma (lo Stato prenderebbe di nuovo in mano la gestione dei servizi idrici, togliendola ai privati).

Votare “NO” se si desidera che rimanga vigente l'attuale normativa.


Secondo quesito - scheda gialla (Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito. Abrogazione parziale di norma)
Volete voi che sia abrogato il comma 1 dell'art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante «Norme in materia ambientale», limitatamente alla seguente parte: «dell'adeguatezza della remunerazione del capitale investito»?

Viene chiesto se abrogare o meno una norma limitatamente alla parte riguardante la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito.

Votare “SI'” per abrogare questa parte della norma che permette il profitto/guadagno, e non soltanto il recupero dei costi di gestione e di investimenti, nell'erogazione del bene Acqua potabile.

Votare “NO” se si desidera che rimanga vigente l'attuale normativa e che chi eroga il servizio idrico ne tragga un profitto.


Terzo quesito - scheda grigia (Nuove centrali per la produzione di energia nucleare. Abrogazione parziale di norme)
“Volete voi che sia abrogato il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, nel testo risultante per effetto di modificazioni ed integrazioni successive, recante Diposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributarla, limitatamente alle seguenti parti: art. 7, comma 1, lettera d: realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare?”.

Il quesito è stato abbreviato in quanto molto lungo e articolato. Anche qui si tratta di abrogazione parziale di una parte del Decreto Legge n. 112 del 25 giugno 2008 recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria, convertito poi con modificazioni nella Legge n. 133 del 6 agosto 2008.

Votare “SI'” per abrogare questa parte della norma se si è contro il ritorno delle centrali nucleari in Italia.

Votare “NO” se si desidera che rimanga vigente l'attuale normativa che consente la costruzione di tali impianti sul territorio nazionale.

La costruzione di centrali nucleari in Italia era consentita fino al 1987, anno successivo al tristemente noto disastro di Cernobyl e nel quale si tennero dei referendum sull'argomento. In quell'occasione circa l'80% dei votanti si rivelò contrario all'utilizzo dell'energia atomica, le 3 centrali funzionanti vennero chiuse e altre non ne vennero più costruite.

A seguito dell'approvazione del decreto omnibus contenente la moratoria di 2 anni posta dal Governo sulla riapertura delle centrali nucleari, il quesito chiede sempre se si vuole abolire il ritorno del nucleare in Italia ma le norme da abrogare sono cambiate. Vedi: Corte di Cassazione: Sí al referendum sul nucleare  e Consulta: via libera al nuovo quesito referendario

Quarto quesito - scheda verde (Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale)
Volete voi che siano abrogati l'art. 1, commi 1, 2, 3, 5 e 6, e l'art. 2 della legge 7 aprile 2010, n. 51, recante «Disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza», quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 13-25 gennaio 2011 della Corte costituzionale?

Come anticipato prima, il quesito è stato proposto dall'IdV ed è stato autorizzato dalla Corte di Cassazione dopo la dichiarazione di parziale incostituzionalità della norma in questione.

Votare “SI'” per abrogare i sopracitati articoli e se si è contrari, quindi, al fatto che alte cariche dello Stato, come Presidente del Consiglio e Ministri, per esempio, possano. Laddove citati, non presentarsi in Tribunale adducendo a impegni di governo.

Votare “NO” se si desidera che rimanga vigente l'attuale normativa-scudo nei confronti del sistema giudiziario.

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl