PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Kyuss

(almost) reunion

https://www.inkoma.com/k/3375

European tour

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
Era il 1995, 15 lontani anni fa, cristo, ero 17enne, portavo ancora la camicia a quadri aperta fuori dei pantaloni, ed erano giusto un paio di giorni che avevo co-affittato con mia sorella da Rentùn a Roma '...And the Circus Leaves Town', dei Kyuss, dopo averli sentiti in qualche passaggio su Radio Città Futura (- la vecchia RCF libera di un tempo), dove in qualche trasmissione regalavano un paio di biglietti per vederli di lí a pochi giorni al vecchio Blackout di Roma.
La domanda per vincere i biglietti credo fosse 'come si intitolava l'album precedente'.
No idea. Internet ancora non esisteva per noi comuni teenager (im)mortali, non compravo riviste, e saltuariamente erano citati sulle fanzine o ero io distratto.
Non avevo amici 'musicalmente' affini, anzi, ricordo distintamente che al mio liceo eravamo in due a conoscere i Bauhaus (sí, ero io quel ragazzo del Pantaleoni che un giorno chiese a tutti gli studenti del liceo che musica ascoltassero al tempo), pochi di più i Nirvana data la recente popolarità per Kobain suicida, e quindi quando qualcuno affisse i poster del concerto dei Kyuss a Roma sui muri dell'entrata del mio liceo, mi sentii un pò meno solo in mezzo alla torma di fan di Ligabue, 883, Take That, Fiorello col codino, Metallica, Bob Marley..
All'uscita, lo stesso giorno, quei poster erano già stati strappati via, non credo per conservarli a casa come puzzle.
Non andai a quel concerto: non avevo soldi, non avevo amici decentemente indipendenti per uscire, insomma, niente Kyuss - un'altra delle croci da concerti-persi della mia vita di giovine.
Ma un paio di giorni dopo, a (mia) sorpresa, su Videomusic, - perchè una volta esisteva (e inizialmente con un'imbarazzante somiglianza di logo con la più famosa mtv) - alla trasmissione Segnali di Fumo, ecco i quattro ragazzoni del deserto presentarsi ed esibirsi in una manciata di pezzi live, alcuni registrati off-air e riproposti in seguito: una perfomance che alzò drasticamente il livello medio fuffa della trasmissione condotta da Paola Maugeri e un'imbarazzante ciccio-punk col crestone (che però suonava in un gruppo niente male di allora - non ricordo il nome), una giovane Maugeri che, velatamente groupie mediatica di allora, sbavava esterofila su ogni ospite in trasmissione, Kyuss in gruppo inclusi.
Di quella trasmissione ricordo le lucine psichedeliche che si portarono dietro per il live, i capelli lunghi di Garcia che gli nascondevano il viso contro il micrfono, il chiomone biondo del bassista Scott Reeder, il suo bellissimo Rickenbacker, i fumi d'incenso e che una volta, Josh Homme era mingherlino e non si pompava come un omino della Michelin.
Il loro set fu leggendario, Asteroid, One Inch Man (appena comprai il wah wah mi misi ad imparare a fare quell'assolo di chitarra), Conan Troutman (il bassista sale tra i pupazzi del pubblico (scrivo con invidia)), Freedom Run, Gardenia (gemellaggio di assolo chitarra/basso da sturbo) e gli altri fuori onda che non sono riuscito a trovare su iutubo.








Ah, sí, originariamente volevo semplicemente dire che i Kyuss tornano insieme per un reunion tour (SENZA Josh Homme, rimpiazzato da Bruno Fevery), a marzo 2011: figureranno il bassista Nick Olivieri, Brant Bjork alla batteria e il cantante John Garcia. Bestemmio se dico che preferivo la coppia Reeder/Hernandez?
Vabbè.. cmq, Olvieri/Bjork, mica pigne..

In Italia, con un'unica data a Trezzo dell'Adda, al live club.
Finchè c'è vita.. c'è speranza.. 

Di seguito le date europee.

Mar. 11 - Bergen, Norway @ R÷keriet
Mar. 12 - Oslo, Norway @ Rockefeller
Mar. 13 - Stockholm, Sweden @ Debaser Medis
Mar. 15 - Hamburg, Germany @ Docks
Mar. 16 - Berlin, Germany @ Columbia Halle
Mar. 17 - SaarbrŘcken, Germany @ Garage
Mar. 18 - Basel, Switzerland @ Z7
Mar. 19 - MŘnchen, Bayern, Germany @ Backstage Werk
Mar. 20 - Budapest, Hungary @ G÷d÷r
Mar. 22 - Vienna, Austria @ Arena
Mar. 23 - Milan, Italy, @ Live Club
Mar. 24 - Frankfurt, Germany @ Hugenottenhalle
Mar. 25 - Paris, France @ Elysee Montmartre
Mar. 26 - Athens, Greece @ Fuss Club
Mar. 27 - Brussels, Belgium @ AB
Mar. 28 - Cologne, Germany @ Live Music Hall
Mar. 29 - Amsterdam, Netherlands @ Paradiso
Mar. 31 - Nottingham, United Kingdom @ Rock City
Apr. 01 - Wolverhampton, United Kingdom @ Wulfrun Hall
Apr. 02 - London, United Kingdom @ The Forum

Grazie per la dritta a Frederick.
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl