PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Electric Mop

Due chiacchiere con Bettina Kee

https://www.inkoma.com/k/306

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
Due chiacchiere con Bettina Kee, dove quel 'kee' fa tanto 'keeboard', visto che negli Electric Mop, insieme all'altro core-member Emiliano Turi, suona ed è alla voce. - Recensiti qualche mese fa col Loro debutto POP, Bettina ora ci parla di conquiste fatte grazie alla pasta al pesto, sogni d'oro morettiani o quasi, e di quanto è bello stare in bikini in uno studio di registrazione, - oltre che delle Loro squisite çhansons, chiaro. - Ah, resta insoddisfatto il dubbio che Theodora Von Kees (accreditata alle voci) e Bettina siano due gemelle, o dualità schizofrenica, - lo so, bastava chiederlo, ma ho perso il treno.

**

komakino: Puoi raccontarci una balla esagerata su come e quando Tu ed Emiliano Turi vi siete conosciuti e siete approdati alla Chief Inspector records? E che ci fate in Francia?
Bettina Kee / Electric Mop: Io e Emiliano ci siamo incontrati dopo un annuncio che io avevo lasciato su un telefono pubblico della place de la Bastille. «scambio collezione completa di Dylan Dog con collezione completa di Diabolik». Nella sua collezione completa aveva 3 ristampe. Non l'ho cagato e lui ha trovato che ero vestita troppo male per essere interessante. Fortunatamente, all'appuntamento, c'era la mia migliore amica che, rientrando, mi ha detto «mica male il tipo con gli occhiali». Meno male... Per rimorchiarlo gli ho fatto delle linguine al pesto (col pesto fatto mentre l'acqua bolle), e gli ho detto che mia madre aveva recitato in «La Voce della Luna» di Fellini. Da allora abbiamo fatto 5 dischi insieme e messo su un allevamento di dalmati.

Emiliano Turi

Per la Chief Inspector , è stato (meno male) molto più semplice. Olivier Pellerin ci ha visti suonare col trio acoustico Mop e ci ha presentato Nicolas Netter. Poi li ho invitati a fare un brunch una domenica mattina a casa mia, abbiamo mangiato blinis, salmone affumicato e champagne Veuve Cliquot. Abbiamo registrato il primo disco di Mop aqustico e 3 anni dopo Nicolas Netter ci ha poposto di creare Electric Mop e... cosí è se vi pare. L'abbiamo registrato subito.

komakino: Electric MopUn disco come questo sarebbe mai potuto uscire per una etichetta italiana?
Bettina Kee: Boh? sei tu che ce lo devi dire... comunque la risposta è molto positiva in italia, hai delle proposte da farci?
komakino: hmm credo di no, ma forse avrei qualche contatto per farti pubblicare un libro di cucina di classe.
- Ascoltando Pop mi sono venute in mente subito Air (Bianca) e alcune ombre electroclash à la Goldfrapp (Pandora).. Che ne dici? In genere come descrivi la Tua musica? In un negozio di dischi, in che reparto vorresti far comparire il Vostro disco?
Bettina Kee: Ovviamente, Airè stato molto ascoltato ma non è tra i miei artisti preferiti, Goldfrapp molto di più. Abbiamo usato vecchi strumenti (korg ms 20, Solina, Farfisa, moog, wurlitzer...) che si ritrovono sui dischi di Air, e anche nel loro duo, c'è un clavierista come me, e «inévitablement» ritroviamo un analogia sonora. Devo dire che all'epoca Black Cherry di Goldfrapp mi avevo colpito tanto, cosa molto sorprendente perchè ero più in fase con Autechre, Lfo, Aphex twin, squarepusher... tutt'un'epoca!
Per descrivere la mia musica, sono l'ultima personna a contattare...difficile trovare la realtà tra i fantasmi del disco che volevamo fare, il disco che abbiamo fatto come lo sentiamo noi, i feedback che abbiamo dagli amici, tutto quello che abbiamo registrato che non è sul disco ma che mi è rimasto in mente...ma comunque tirispondo, ma poi sei tu che mi descrivi il moi disco ... direi minimalista e romantica (J)
Vorremmo un reparto con soltanto i nostri dischi e quelli dei nostri amici ovviamente. La megalomania è una costante.

komakino: Anche gli U2 hanno dato titolo Pop ad un loro album.. ok, non c'è nessuna analogia (credo!), - ma c'erano altri titoli in ballo scartati all'ultimo momento?
Bettina Kee: Mi piace tanto quest'analogia!! (comunque non lo sapevo..) nel nome POP c'è anche la domanda è pop? questa musica è o non è pop? ha o non ha l'essenza della pop? gli altri nomi erano Bianca (troppo morettiano), Pandora (troppo scuro), Jacqueline (e... si... quando ho una fissa... mi ero fissata sui nomi.. volevo che tutti i titoli dei brani fossero nomi...), il totale dei minuti coi secondi (come per il primo disco) ma 43 non era bello. E alla fine, bisognava decidere, era tardi, ho detto POP. E sembrava uno sciogli lingua, prova a dire 33 volte electricmoppop il più rapidamente possibile. Ed era anche il nome che corrispondeva meglio al feeling della musica.

komakino: Trovo che il disco abbia un suo carattere disomogeneo, che per quanto vanti un ottimo suo collante, va oltre l'easy listening del pezzo di apertura Jacqueline, che quasi sembra uno specchietto per le allodole, per poi ritrovarsi intrappolati in una malinconia ben diversa. Con quale canzone della tracklist Vi sentite più identificati?
Bettina Kee: Dear uncle Huguette. Potrei suonarlo per ore e ore e ore e ore. Minimalismo, distorzione, trip finale. Perfetto, no? Anche se prima della registrazione era Mike il pezzo guida. E poi c'è stata la sorpresa Jacqueline.

komakino: Ad esempio, di cosa parla John et Charlotte? E' la canzone cui sono più affezionato del Vostro album.
Bettina Kee: Che bello!! e tra i miei pezzi preferiti, e trovo che è quello che rappresenta di più la disomogeneità del disco, ma cosa fai? non si puo levarlo dalla set list? POP è stato composto e registrato rapidamente, un po' come si faceva 40 anni fa. Abbiamo semplicemente dato ruota libera alle nostre voglie, senza preoccuparci della coerenza, ... «ma il pubblico non sara' stabilizzato da tanta diversita'? ... e se poi i negozi non sanno in che reparto metterci?» ... non abbiamo avuto voglia di porci queste domande. Se ascolti i primi dischi dei Pink Floyd ci sono dei pezzi completamente sperimentali saguiti da canzonette ... a l'epoca non disturbava a nessuno!! oggi devi fare un disco ultra omogeneo, altrimenti disturbi l'andazzo piatto generale!!! John et Charlotte è semplicemente una storia d'amore... è un dialogo alla Do You Love Me? di R.D.Laing.

komakino: Come nascono i Vostri pezzi? C'è qualcuno che porta le idee, o tutto parte da una sorta di jamming in sala?
Bettina Kee: Scriviamo insieme. Io e Emiliano. Poi in studio si lavora, si produce, si struttura, si cerca e a volte si butta tutto!!

Bettina Kee

komakino: Mi spieghi il foglietto separato dal digipack dove ci sei Tu in entrambe le facciate in costume da bagno (che mi sembra disegnato) e occhiali da sole alla consolle dello studio? Sono andate cosí le session di mixaggio? Nudismo e nude-disco?
Bettina Kee: Si proprio cosí! nude-disco! il nostro primo gruppo con Emiliano si chiamava Nude. Comunque trovo che quando si registra è importante essere a suo agio e ognuno ha scelto la sua tenuta preferita. La mia è stata il mio bikini (che mi dispiace non è disegnato c'è l'avevo addosso quando abbiamo fatto la polaroid) La registrazione è durata solo 3 giorni, allora bisognava approfittarne al massimo, c'era una piscina e comunque ho pensato che se non funzionava nella musica avrei potuto fare la promozione della bellissima tavola SSL analogica lunga quanto due Ferrari. Questo foglietto doveva essere un poster di 3X3!!

komakino: Alcuni passaggi dei Vostri pezzi sono molto cinematografici, quasi dei rallenty, dei primi piani.. c'è qualcuna delle Vostre canzoni che pensi sarebbe perfetta per un film o per un regista in particolare?
Bettina Kee: Bianca, vedo un film di Nanni Moretti ... o una scena su una spiaggia.

komakino: Come si svolgono i Vostri concerti? Che risposta avete dal pubblico? Idealmente, non Vi trovereste meglio a fare da colonna sonora ad un cocktail bar che in una sala concerti?
Bettina Kee: Bene e buonissima. Mi troverei benissimo su una scena con 10 000 persone davanti a me, più c'è pubblico, meglio suono.

komakino: Siete mai stati in tour con qualche Band 'importante'? - Spesso è il miglior biglietto in classe privilegiata per diffondere il proprio verbo.
Bettina Kee: Ti sbagli proprio! I know what I mean!! Abbiamo tutti l'abitudine di essere in tournee con altri artisti, anche abbastanza importanti, ma nel sistema se sei un musicista che accompagna, non puoi avere il tuo proprio gruppo ... come se fai dell'electro, non puoi fare della pop e se porti una giacca di pelle nera sei per forza un rocchettaro!!! e se sei di sinistra non puoi guardarti Terminator 3 ...

komakino: Riascolti mai Pop (il vostro, non quello degli U2) quando sei sola, magari in viaggio? Mi viene in mente il film di Wim Wenders 'fino alla fine del mondo', dove i protagonisti diventano quasi dei drogati a riguardare all'infinito i filmati estrapolati dai propri sogni..
Bettina Kee: Spesso! non ho visto questo film ma è da anni che lo voglio vedere. In live facciamo remix dei nostri pezzi mescolando lyrics di pezzi su i pezzi strumentali. Mike ha vinto una bellissima parte cantate con rap break di Theodora!

komakino: L'ultima: ci sarà occasione di vederVi suonare in italia?
Bettina Kee: Dovevamo venire a luglio in un festival ma lavoravo (vedi sopra), spero di venire prestissimo.
________________________
intervista completata nel giugno 2oo8.

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl