PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2022 · 2021 · 2020 · 2019 · {and before that

God is an Astronaut

Live @ Circolo degli Artisti, Roma, 26 maggio 2010

https://www.inkoma.com/k/3017

w/ Junius + Lili Refrain, ingr. 20 euro

 | Alfredo Iannone
permanent link copied to clipboard
Adrenalina e scariche rock macchiate di metal sono le note distintive del live tenutosi mercoledi al Circolo degli Artisti di Roma.
Ad esibirsi tre formazioni: Lili Refrain, Junius e i God is an Astronaut.
La serata, cominciata quasi in orario, si è aperta con l'esibizione della romana Lili Refrain: giovane e esile ma con brio la folk-rock-punk girl ha proposto una serie di pezzi interessanti in bilico tra contaminazioni dei generi di riferimento ed elettronica (interessanti i campionamenti istantanei riproposti come accompagnamento alle sua voce graffiante) conditi da una messa in scena con venature teatrali.






A seguire l'esibizione dei Junius, band americana che  ha proposto un set di brani tesi e penetranti, classici del suo repertorio, tra post rock e nu-metal caratterizzati da wall of sound incisivi e da una voce sensuale e accattivante.
Avvolti in una coltre di fumo, che rendeva l'aria gia satura per il caldo consistente ancora più rarefatta e pesante, i 4 americani si sono esibiti con eleganza ed estrema precisione proponendo vari pezzi della loro produzione, alcuni tratti dal disco The Mayrtyrdom of a Catastrophist edito dall'etichetta TheMyleneSheath ed in vendita in una eccezionale edizione limitata 2 vinili nell'angolo market del Circolo.












Alle 23 circa ecco salire on stage i fratelli Torsten e Niels Kinsella con i loro God is an Astronaut, band irlandese, per la seconda volta in Italia, acclamati e seguitissimi da un pubblico molto giovane estasiato ed eccitato per l'esibizione.
Il loro sound è un misto di post rock melodico che spesso sfocia in atmosfere ambient con derive metal. Brani essenzialmente strumentali che riescono a rapire l'ascoltatore grazie ad una tensione emotiva tradotta in note.
Lo spettacolo, ben curato e arricchito da una serie di luci led ad effetto, ha regalato al pubblico in sala molti dei pezzi classici della loro produzione racchiusa nei quattro album pubblicati per la Revive.
Ascoltare i God is an Astronaut è come rivivere le atmostefe dei Mogwai e dei Sigur Ros mescolate alla ruvidità dei My Bloody Valentine e incorniciate dalle oniriche visioni dei Tangerine Dream. Si resta come catapultati in un iperspazio sensoriale fluttuante dove le note prodotte da chitarre e tastiere divengono appiglio sicuro per un viaggio unico. Viaggio al quale tutto il pubblico ha partecipato in maniera molto calorosa, dimostrando grande stima per i fratelli Kinsella e la loro personalissima creazione musicale.







read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl