PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2021 · 2020 · 2019 · 2018 · {and before that

Tiziano Milani

Riflessione Compositiva di Assemblaggi Possibili

https://www.inkoma.com/k/2918

(1tx CDr, 54'28'' - Farmacia 901 rec)

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
Farmacia 901 is an experimental avantgarde record label exploring a different sound plane, - where the reading key of its Artists seems to me always being like 'more conceptual than musical'.
Let's say that a song is made of sounds, but sounds can also not make a song.
- So let's take Tiziano Milani: - He defines himself as an acoustic architect (or maybe He just is!), He works on micro-sounds like particles of a structure, something visible and at the same time intangible, multilayered minute movements of minimal drone Music, and - conceptually - realizes an imaginary installation designed to transform the sound perception of a room into something digitally artistic and interactive once You're in.
Of course, if I didn't have read the three lines of the press release to light me this concept, I might have just written the usual things: experimental electronic Music, meditative, post-concrete recording, glitch, digital sound synthesis. And, actually, that's it. But, like when You visit an art installation, often You need to read the guide lines to discover the original meaning behind the object itself, that, - as said above, - it is often more conceptual than musical.
Anyway, about one hour into the duty pharmacy, Time slips fast and pleasantly alienating, - the exhibit was worth the price of admission.

.`.    .`.
        /_ .K ..
..   .

Farmacia 901 è un'etichetta sperimentale d'avanguardia che esplora un piano sonoro differente, - dove la chiave di lettura dei suoi Artisti sembra essere sempre sulla riga del più concettuale che musicale.
Nel senso: diciamo che una canzone è fatta di suoni, ma che i suoni non sempre fanno una canzone.
- Quindi prendiamo qui Tiziano Milani: - si definisce (o forse lo è e basta!) un architetto acustico, lavora su micro-suoni come fossero particelle di una struttura, qualcosa di visibile e alla stessa volta intangibile, - movimenti multistratificati di Musica drone minimale, e - concettualmente - realizza un'immaginaria installazione designata a trasformare la percezione del suono di una stanza in qualcosa di digitalmente artistico e interattivo una volta che Ti ci ritrovi dentro.
Chiaramente, se non avessi letto le tre linee di press release dello stesso per illuminarmi sull'idea che c'è dietro, mi sarei limitato a scrivere le solite cose: Musica elettronica sperimentale, meditativa, post-concrete recording, glitch, sintesi digitale del suono. E, agli atti, è cosí. Ma, come quando Ti ritrovi a visitare un'installazione artistica, spesso hai bisogno di leggere le sue linee guida da qualche parte per poter scoprire l'idea originale dietro l'oggetto in sè, che spesso, dicevamo, è più concettuale che musicale.
Cmq sia, - circa un'ora in una nuova farmacia di turno, - il Tempo scorre veloce e piacevolmente alienante, - la mostra, in questo caso, giustifica il prezzo.
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl