PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Welles

33:44

https://www.inkoma.com/k/2725

(11tx CD, 33'44'' - Self prod. 2009)

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
This guy from Lodi, northern Italy, totally lost himself into audio loops and samples, - a syncopated and measured cut&paste, collage of sounds, and his severe vocals.
Second solo release for Massimo Audia (also guitarist of Satantango), this record collects his bedroom recordings from 2005 to 2008, - a more mature production now, richer and enjoyable than before - a sort of no-wave hysteria line connecting Suicide and a bluesy remix of Devo's dementia (Quicksilver), such so restless that when it's over (or You'll decide it's time it's over) You'll need some silence.
March on Mars - after a burning intro, - is highly contagious and danceable, - as well as Dead Bird, - psychotic and next to be psychedelic, - while Caustic Dance's broken rhythmics would be suitable for a robot dancing.
1988/1989 looks like the possible short circuit of an acoustic guitar, - Captain John has got that kind of cleverness à la Mark E. Smith.
As mr. Audia writes, it's somewhat self-referential, but totally bizzarre and enjoyable.
The below video is not from this record, but it's totally funny.

++++++++

Questo tizio, dal lodigiano, è completamente perso tra loop e campioni audio, - un taglia&cuci sincopato quanto misurato, collage di suoni, e la sua voce grave.
Secondo disco autoprodotto per Massimo Audia (già chitarrista dei Satantango), questo disco contiene tutto il materiale registrato in casa tra il 2005 e il 2008, - una produzione più matura e ricca del precedente capitolo, - una sorta di linea isterica no-wave che collega i Suicide ad un blueseggiante remix della demenza dei Devo (Quicksilver), - praticamente senza mai posa, tant'è che quando è finita (o avrete deciso che è tempo che lo sia), - dopo avrete bisogno di un pò di silenzio.
March on Mars - dopo una bruciante intro, - è altamente contagiosa e ballabile, - come anche Dead Bird, - psicotica e prossima alla psichedelia nel finale, - mentre le ritmiche spezzate di Caustic Dance sono più adatte a far il robot sul dancefloor.
1988/1989 sembra rendere possibile il cortocircuito di una chitarra acustica, - Captain John ha quella sorta di scaltrezza à la Mark E. Smith.
Come scrive nelle note mr. Audia, si tratta di un disco molto autoreferenziale, - ma la sua bizzarria non può che essere di rispetto.
Il video che segue non è estratto dal disco in questione, ma è davvero divertente.

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl