PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2019 · 2018 · 2017 · 2016 · {and before that

Annelies Monseré

Marit

https://www.inkoma.com/k/2583

(12tx CD, 29'28'' - Auetic rec 'o9)

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
Writing a review about Annelies Monseré's Music is not that cup of tea for me.
I mean, every time i listen to Her Music, and more properly during last weeks to each track of this new record, Marit, - Her songs leave me simply speechless, and i know i'll never be able to describe entirely in a review that sensation i feel.
It is like i can just say it is Music that heals me.
There's a perception of stunning spell, disarming and important, from the very first background noise of Her recordings to the inner gentleness of every melody. - Like Can't: You can't actually say if it was raining hard when Annelies recorded this, or if it is just a heavy background noise.
Something like when You turn microphone's volume at limit and You pick up ghost voices..
Well, She's not a ghost, - but She comes out from this out-of-focus vision.
Marit is introduced by the brief vocal prelude of We left home, - then it's time for Common ground: - Her whispered voice, a few piano notes, and far echoed electric sounds, - it is like dreaming of dreaming a song at night in your bed.
I will lock you, after a piano intro, as Annelies and guest Nathan Amundson (from the Rivulets) start singing beathy together, the song generates a sort of fainting-wave that totally throws You to the ground.
The following instrumental Coda, glockenspiel plus cello and melodica, is like observing the subsequent stardust trail.
Annelies Monseré is fan of Cranes, track#3 is a delicate cover of that beautiful Loved b-side called September, - here turnt folk and bucolic, - performed with acoustic guitar and piano.
Differently, Will you be found? is a sort of folk madrigal, - there's her friend Jessica Bailiff singing too (also appearing on other tracks, playing guitar and violon-uke).
Like yesterday is the unique long track here, something more than 6 minutes, - it is fully
intimate and dreaming, - a long blurred dream actually, - and when You wake up, You find yourself in a grass field next to the river, - birds are singing, and if the first song was We left home, well, this new open space, of the same 51 seconds lenght, well, This is home now.

+++

Scrivere una recensione per Annelies Monseré non è esattamente facile per me.
Ovvero, - ogni volta che ascolto la di Lei Musica, e ultimamente il nuovo disco Marit, - mi lascia senza parole, - con quella che è sensazione che è difficile da descrivere in una recensione.
E', come dire, Musica che lenisce.
Si percepisce un favoloso incantesimo, disarmante e importante, dal primo rumore di fondo di ogni sua registrazione all'insita gentilezza di ogni susseguente melodia. - Come su Can't: è difficile dire se stesse piovendo a secchiate mentre Annelies ha registrato il pezzo o se è giusto un imponente shhhhhhhhhhhhhhhhhhhh.
Un pò come quando si alza il volume del microfono al massimo, e si captano le voci dei fantasmi.
Beh, Lei non è un fantasma, - ma è Lei che esce fuori dal fuori fuoco di questa visione.
Marit è introdotto dal breve preludio vocale di We left home, - quindi è la volta di Common ground: la sua voce sussurrata, un paio di note di piano, suoni elettrici lontani persi nella eco, - è come sognare di sognare una canzone di notte, nascosti sotto le coperte.
I will lock you, dopo una intro di piano, come Annelies e l'ospite Nathan Amundson (di the Rivulets) cominciano a cantare insieme sussurrando, la canzone genera un'onda di svenimento che Ti getta propriamente a terra.
La successiva strumentale Coda, glockenspiel più cello e melodica, è come osservare la seguente coda di polvere di stelle.
Annelies Monseré poi è fan dei Cranes, - la terza traccia è una cover di quella bella b-side di Loved che è September, - qui mutata folk e bucolica, - suonata su chitarra acustica e note di piano.
Diversamente, Will you be found? è una sorta di madrigale folk, - con l'amica Jessica Bailiff a cantare insieme a Lei (anche ospite alla voce su altre tracce del disco, nonchè a suonare chitarra e violon-uke).
Like yesterday è l'unica canzone lunga qui, qualcosa superiore ai 6 minuti, - è interamente intima e sognante, - un lungo sogno sfocato, - e quando se ne esce fuori risvegliandosi, ci si ritrova a bordo di un fiume, tra l'erba e gli augelli cinguettuoli: se la prima canzone di Marit è
We left home, con sorpresa, nello stesso tempo di 51 secondi ci si ritrova in una nuova dimora, This is home.

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl