PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2019 · 2018 · 2017 · 2016 · {and before that

Entrofobesse

Behind my spike

https://www.inkoma.com/k/2306

(8tx 12'' + CD, 22'32'' - Wild Love rec 'o9)

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
From Niscemi, Sicily, Italy, - this power four piece blends doses of math rock and old school emo, - their indie record label, Wild Love, is a sort of natural diy collective founded by its own musicians, sharing a passion for Slint, Shellac, Fugazi and Co., joining that route where You record at Sacha Tilotta's studio and then everything will be mastered at Chicago by Bob Weston: that's not a niggle, neithern a business spot, - this is just a note for the records, - for the future, maybe, - because i think it is interesting to monitor how and where indie bands - from Italy - choose a certain path for their recordings. Most of people listening to the recorded Music ignore the genesis of the physical side of making a full-lenght album, - hours spent (money as well time) in a studio, then mixing and listening over and over to each detail, etc - and if You consider that at the end You must send Your tracks on the other side of the world to get back a proper work done (our case here), - You can get a generic idea of the current italian inadequacy for (alternative) sound engineering, - or if not inadequacy, at least 'unpopularity'.
I know a lot of people that consider a mastering session as 'push a button and get a coffee in the meanwhile', - and who knows, it'll probably be like that for the most, - but, anyway, making Music in Italy is not a cup of tea yet.
Well well, said that, Behind my spike is Entrofobesse's debut release, 12'' vynil with CD attached, - the title track after an explosive intro leads to tiny bells tinkling, - it is like They soon deviate from the prejudice of a mere angular guitarism, and want to suggest to the listener they can approach different shores.
Anyway They won't be there for dressing dolls, - they sweet blood and there's room for beautiful mathy arpeggiated guitar riffs, bass' sound like iron (the free instrumental ride in Giorgia in the battle, as well in Tommies in the mind), - but You can also recognize the influences on the male vocals on Hawk when Tano Di Rocco sings a sort of typical choir à la Perry Farrell.
Unless You're a newbie, Behind my spike is probably not memorable (and maybe that's also due to the above mentioned similar production style and instrumentation), anyway is an album strong enough to gain respect in the italian underground scene and wish to see them performing live, especially if You're a fan of genre.

+++++++++++++

Da Niscemi, Sicilia, Caltanissetta, il power quartetto miscela dosi di math rock e vecchia scuola emo, - la Loro etichetta Wild Love è una sorta di naturale collettivo do it yourself fondato dagli stessi musicisti, a condividere una medesima passione per Slint, Shellac, Fugazi and Co., partecipando a quel percorso dove prima registri allo studio di Sacha Tilotta e poi spedisci tutto a masterizzare da Bob Weston a Chicago: non per fare un appunto, tanto meno uno spot pubblicitario, - è giusto per la cronaca - da rileggere in futuro magari, - dato credo sia interessante monitorare come e dove i gruppi indie - in italí - facciano riferimento e optino per talune scelte per dare forma alle proprie registrazioni.
La maggior parte degli ascoltari della Musica registrata ignora la genesi della parte fisica di un album, - ovvero quelle ore spese in studio (soldi e tempo), quindi a mixare, riascoltare ogni cosa mille volte, etc, - e se considerate che alla fine dovete spedire le tracce dall'altra parte del mondo (il nostro caso qui) per avere un lavoro fatto ad arte, allora potete farVi un'idea generica dell'attuale inadequatezza dell'attività di sound-engineering in italia, - o se non inadequatezza, almeno dell'impopolarità di questa.
Conosco un sacco di gente che considera una sessione di mastering come 'premere un bottone e andarsi a fare un caffè nel frattempo', e ok, magari spesso è cosí, - ma in ogni modo, fare Musica in Italia non è ancora una passeggiata.
Beh, detto ciò, Behind my spike è il debutto degli Entrofobesse, su 12 pollici vinile con allegato CD, - la canzone che dà titolo all'album dopo una intro esplosiva, muta e guida ad una serie di tintinnanti campanellini, - è come se avessero voluto subito deviare il pregiudizio dell'idea di ritrovarsi davanti a del puro chitarrismo angolare, e suggerissero quindi di poter approcciare altri lidi.
Comunque sia, non è che poi stanno a pettinare le bambole, - sudano sangue e c'è spazio per dei bei riff arpeggiati nella matematica, il suono del basso è d'acciaio (la strumentale libera di Giorgia in the battle, come anche Tommies in the mind), - ma potete anche riconsocere le influenze del cantato in Hawk dove Tano Di Rocco gioca una sorta di coretto tipicamente à la Perry Farrell.
A meno che non siate appena arrivati su questo pianeta, Behind my spike a carte fatte non offre nulla di nuovo (questo forse è anche dovuto proprio alla sopracitata accomunante produzione di suoni), ma in ogni modo l'album è forte abbastanza per far guadagnare agli Entrofobesse del sano rispetto nella scena underground italiana e desiderare anche di vederli suonare dal vivo, - specie se siete fan del genere.

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl