PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2018 · 2017 · 2016 · 2015 · {and before that

Manuela Piemonte

https://www.inkoma.com/k/2287

Intervista con l'autrice de Il Proiezionista, - dai Blueprint alla carta stampata.

 | federico immigrato e rifugiato
permanent link copied to clipboard
Non sono pochi gli scrittori che hanno saputo resistere alla tentazione di sbottonarsi sui propri gusti musicali. C'è chi è riuscito a farlo in maniera abbastanza funzionale alla struttura e al senso dei propri plot come Hornby, chi in modo forse troppo pretestuoso come la bella Caprice Crane e chi con grande classe come Evangelisti (viva i Black Flag). 
Sicuramente sono più i musicisti che si sono prestati alla narrativa che non i racconti che abbiano una storia legata o calata in maniera interessante nel circuito dell'indie o del music system italiano. Non che aspettiamo un noir ambientato claustrofobicamente al Mads a San Lorenzo, ma ci fa piacere accogliere l'esordio letterario di Manuela Piemonte, fino a qualche tempo fa attiva nei Blueprint una delle formazioni italiane a cui tenevamo di più.
Il Proiezionista è un piccolo gioiello, ed è riuscito a farci riscoprire Piero Ciampi.



 ***

FedImmRif: In passato ti sei dedicata a numerosissimi progetti, hai collaborato con  un gruppo di tutto rispetto come i Blueprint, curavi un dj-set, ti sei mossa all'interno del coordinamento di Polyester e ti sei avvicinata all'attività di un'importante associazione antimafia. Intanto complimenti e scusa se mi sono scordato il resto… Quando hai cominciato a coltivare la tua passione per la scrittura?

Manuela Piemonte: Prima che passione per la scrittura, direi passione per la lettura e per i libri e per la scrittura di conseguenza... Ho sempre scritto e inventato storie, da piccola scrivevo raccontini con tanto di disegni annessi, e questa cosa non è andata svanendo nel tempo, ma è stata, più che altro, una presenza intermittente... Tendo ad appassionarmi a un sacco di cose, a un certo punto però ho sentito che non si può fare i "tuttologi" per sempre ed è bene almeno provare a fare una scelta, se si vuole intraprendere un percorso professionale, o semiprofessionale. Per gli hobby c'è sempre tempo.

FedImmRif: Il racconto con cui hai esordito rientra più o meno intenzionalmente nelle corde o nei canoni di un noir. Alla base della trama c'è un'indagine in ogni caso. Come mai hai voluto cimentarti in quel tipo di racconto? Anche tu hai la sensazione che i gialli tendenzialmente sono considerati di un lignaggio appena più basso dei romanzi di letteratura?

M.P.: Non è una sensazione, ma un dato di fatto: tutta la letteratura di genere è considerata di serie B. A volte è vero, ci sono ottime storie scritte male o comunque non abbastanza bene, avere un'idea per una buona storia non vuol dire sempre saperla anche raccontare con una buona scrittura, questo lo dico spesso a me stessa. Purtroppo però il pregiudizio va a toccare anche le storie che sono ottimamente scritte e che quindi andrebbero prese in considerazione in quanto romanzi o racconti, non o comunque non solo come parte di un genere letterario. Poi si sa che come in ogni campo, limitare qualcosa o qualcuno in una breve definizione è un'approssimazione necessaria: i libri come genere, cosí i gruppi musicali, ma anche le persone. Quante volte ci presentano qualcuno e poi, anziché limitarsi a dirci il suo nome o da dove viene, aggiungono "lui è/lei è..." qualsiasi sia la sua professione? Lui è un postino, ad esempio, avrebbero detto di Bukowski quando faceva quel mestiere, ma non era anche uno scrittore?Comunque, mi sono cimentata con il noir perché mi appassiona, lo vedo come una chiave di lettura molto naturale per gran parte della realtà: tendiamo a vedere solo la luce mentre il mondo è pieno di ombre, quindi perché non usarle per raccontare ciò che ci circonda?

FedImmRif: Hai ambientato la storia nel 1986. A parte qualche breve riferimento a Supercar e ai ghiaccioli alla fragola però il racconto vivrebbe di una temporalità del tutto autonoma. Mi spiego potrebbe benissimo essere riattualizzato ai giorni nostri. Come mai questa scelta di  spostarlo indietro nel tempo?

M.P.: Non l'ho spostata indietro nel tempo, la storia è sempre stata lí, in un'epoca che ho vissuto quando ero piccola e che, dal punto di vista narrativo è secondo me molto più interessante, una società senza telefonini e internet  si muoveva a un ritmo diverso, per forza di cose, e poi per i riferimenti alla mafia e al traffico di droga il racconto doveva essere ambientato in quegli anni, per una corretta collocazione storica.

FedImmRif: Molti musicisti più o meno famosi si sono cimentati nella scrittura. Da Guccini a  Clementi, Boosta o Godano, hai mai letto qualcosa di questi artisti?

M.P.: Ho letto anni fa i racconti di Boosta, e ho letto un libro di racconti di Manuel Agnelli, ma non mi hanno colpito in modo particolare. Clementi, che è un'ottimo scrittore, anche nei testi dei Massimo Volume ha sempre mostrato di essere un punto di incontro tra letteratura e musica. Ci sono del resto molti scrittori appassionati di musica, è naturale che chi è abituato a esprimersi in modo artistico non si limiti a un solo campo... Dino Buzzati secondo me era un ottimo pittore e preferisco di gran lunga i suoi quadri ai suoi libri, tanto per citare un esempio.
 

FedImmRif: Come sta andando il libro?

M.P.: Non lo so! Bisognerebbe chiederlo all'editore, ma ho sempre pensato che fosse più un'occasione per farsi conoscere tra gli addetti ai lavori che altro.

FedImmRif: L'universo delle etichette indipendenti italiane e labirintico e  indecifrabile (qual è quella che mi sòla di meno). Da fuori quello delle piccole case editrici sembra ancora più ingovernabile. Che tipo di confronto puoi fare tra le due realtà oltre l'atroce mancanza di risorse.

M.P.: Una grande differenza è che non mi risulta che nel mondo discografico, anche a livello di piccole etichette, esista un fenomeno affine e sistematico come quello dell'editoria a pagamento, in cui rientrano molti piccoli editori. E poi notiamo già nell'uso di questi termini che non ci sono piccoli editori che si proclamano "indipendenti", termine che penso sia usato impropriamente in ambito musicale, ma questo è un altro discorso.

FedImmRif: Per il resto, entrambi gli ambiti sono una selva in cui è difficile districarsi e occorre andare almeno a qualche fiera della piccola editoria per capire chi fa cosa e come e iniziare a orientarsi, sia da lettori che da scrittori.

M.P.: A livello di scrittura, scrivendo il racconto ti sei immedesimata in Giada la protagonista o hai mantenuto la distanza critica da tutti i personaggi?
Trovo difficile mantenere una distanza critica dai personaggi, piuttosto mi sono immedesimata in tutti i personaggi, trovo sia l'unico modo per raccontarli con un po' di onestà, anche quelli che non rispecchiano per niente il tuo modo di vedere le cose.

FedImmRif: Hai reso molto bene il clima familiare e allo stesso tempo asfissiante della provincia. Dove sei cresciuta? Hai vissuto sia a Roma che  a Milano, quale città pensi che sia più stimolante per coltivare i propri interessi?

M.P.: Sono cresciuta nel paese in cui è ambientato il romanzo e quando ero piccola lí non c'era nulla, a parte l'oratorio e il cinema dell'oratorio. Quindi se per tua scelta non volevi fare pare di quell'ambiente, eri tagliato fuori da tutto. Per le persone curiose la vita in provincia, soprattutto una provincia come era quella, può rivelarsi mortale. Io ho capito che se anche amo l'aria pulita e il silenzio, in realtà sono fatta per la vita di città, quella in cui si accumulano talmente tante cose da fare che si è costretti a rinunciare a qualcosa, perché capita tutto la stessa sera, lo stesso giorno.
Non penso che al giorno d'oggi ci siano cosí grandi differenze, a livello culturale, tra Milano e Roma, le presentazioni dei libri che fanno in un posto le fanno anche nell'altro, tanto per fare un esempio. Ma comunque penso che per quella che è stata Roma negli anni in cui ci ho vissuto, e per quello di cui avevo bisogno io in quel periodo, Roma fosse il posto perfetto. Milano e Roma sono due posti molto diversi, e ognuno ha i suoi pro e i suoi contro, ma nessuna delle due è un posto disperso in mezzo al nulla, quindi credo che coltivare i propri interessi alla fine non dipenda dal posto, ma sia un'attitudine.

FedImmRif: Al momento sta spopolando la saga di Larsson, (Uomini che odiano le donne), che ne pensi? A cosa stai lavorando al momento?

M.P.: Non l'ho ancora letta, anche perché prima ho una sequela di libri "da leggere" arretrati. Sono molto curiosa di capirne la forza, visto che si è fatto strada con il passa parola.
Al mio nuovo romanzo, che ha il titolo provvisorio di Paradise Rock e ha per protagonista un musicista. Quando troverà un editore sarete tra i primi a saperlo.

FedImmRif: Ora che è passato un po' vuoi parlarci della tua attività all'interno di Polyester, che tipo di esperienza è stata? Quella di un coordinamento a Roma è un progetto troppo titanico?

M.P.: Per i molti che non lo sanno, Polyester è un coordinamento di musicisti tutt'ora esistente a Roma, anche se ormai poco operativo, che ha contribuito a promuovere la musica originale e di nicchia nella capitale, e non solo. Farne parte, per circa cinque anni, è stata un'esperienza unica e irripetibile, direi quasi assimilabile a quella delle avanguardie dei vecchi tempi. Un particolare fermento di idee musicali e non, dove si sono incontrate e scontrare menti altrettanto fervide. Un coordinamento tra artisti, che siano musicisti o no, non é un progetto titanico, tutt'altro.
Come per ogni progetto, basta essere armati di buona volontà. Solo con la buona volontà abbiamo organizzato concerti ed eventi di piccole e grandi dimensioni, nessuno ci pagava e anzi a volte ci abbiamo anche rimesso. A me è servito per imparare che si possono creare nuove realtà anche dal basso, e che a volte basta rimboccarsi le maniche anziché lamentarsi e aspettare che qualcuno ci dia ciò che vorremmo trovare.

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl