PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2019 · 2018 · 2017 · 2016 · {and before that

Io Monade Stanca

the impossibile story of bubu

https://www.inkoma.com/k/2238

(7tx CD, African Tape 'o9)

 | Massimo Cisternino
permanent link copied to clipboard
Io Monade Stanca da Cuneo. Finalmente un gruppo che gioca d'astuzia. Più che un disco matematico o di math rock è un manuale sulla teoria del caos. Caos e ordine non sono mai andati d'accordo. La natura biologica di questo lavoro è fatta di movimenti imprevedibili. Stabilire un ordine sarebbe come cercare di intrappolare nel palmo della mano una nuvola di fumo. L'apparenza si trasforma velocemente in inganno e l'inganno in motore dell'azione. Proprio come nella traccia di apertura: Abete 43211234. Il richiamo iniziale ai Melvins è appunto l'apparenza, la struttura che genera il senso di sicurezza. Dopo l'ordine, la natura delle cose. Allo scoccare del primo minuto in men che non si dica ci ritroviamo catapulati in un mondo alla rovescia. L'uso della voce mi sembra richiami un pò gli Amon Duul. Ogni tanto qualche rimando agli ormai defunti Sedia anche se il nervosismo del trio di Cuneo è molto più denso. Aperture space-rock inserite con violenza nei cunicoli, nelle tubature arruginite. Tuttavia perfette nel disegno di insieme, coerenti nel progetto del caos naturale. Ed è questo il punto di forza della band. Splendida chiusura quella di: Cristiani non siete cresciuti. Martellante e angosciosa. Attesi dal vivo.
+++++++++
Io Monade Stanca da Cuneo. Here we are someone who knows how to be crafty. More than a mathematical record or math rock, it is actually a guide to chaos theory.
Chaos and order never get along. The biological natuire of this work is composed by unpredictable movements. Trying to formulate an order for that, it would be like trying to catch a smoke cloud. The external appearance soon turns into deceive, and deceive into the force of action. Just like in the opening track: Abete 43211234. The initial call to Melvins is effectively just appearance, the structure that load a safety consciouness. Then it changes its order, the nature of things. Exactly after one minute You suddenly find yourself upsidedown. Their vocals remind me of Amon Duul. Now and then there is something dear to the belove dead Sedia, although the three piece's nerviness, from Cuneo (northern Italy) is denser.
Space-rock overtures inserted with violence into tunnels, rusty pipes.
However, perfectly matching in the whole design, coherent to the natural project of chaos. And that's their strenght. And the last track Cristiani non siete cresciuti is excellent. Hammering and distressing. - I long to see them on stage.
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl