PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Heat from a DeadStar

Seven Rays of The Sun

https://www.inkoma.com/k/2174

(13tx CD, 36'56'' - Ace of Hearts rec 'o9)

 | Massimo Cisternino
permanent link copied to clipboard
Lo so, perdonatemi. Non si dovrebbero mai giudicare i dischi a partire dalla copertina. Perfino Sister dei Sonic Youth ha una copertina volutamente orribile. Il contenuto però è a suo modo raffinato: una batteria nascosta in una scatola di cartone, testi brutali, chitarre rancide e apocalittiche.
Mi chiedo allora quanto sia un'operazione valida quella di associare questo Seven Rays of The Sun agli strupri sonori e grafici della gioventù sonica, dal momento che la copertina del trio londinese in questione è volutamente convenzionale.
Uno pseudo-collage alla Rauschenberg che denota il bisogno di un'essenza di strutture, un'omogeneità di idee, per quanto spesso i collage alludano a tutt'altro. Non so, un rimando al caos naturale o una provocazione rivolta all'osservatore intento a cercare la relazione tra gli elementi.
Vieniamo quindi alla musica. I nostri propongono un indie-rock pacato con qualche rimando agli Unwound dell'ultimo periodo. C'è chi ha parlato di psichedelia anche se a mio parere non vi è traccia alcuna. Messy Kid è un pezzo gradevole ma sempre e solo gradevole. Le armonie delle chitarre scorrono fluide concedendosi qualche caduta provvisoria nel mondo delle dissonanze. Dissonanze ben congeniate, funzionali ma rigide negli intenti.
Seahorse Seafish è l'episodio che più di tutti potrebbe sorprendere l'ascoltatore. Le idee più misteriose e convincenti del gruppo confluiscono loro malgrado nella terzultima traccia: Crown.
I presupposti per un disco valido ci sono e sicuramente sono in parte supportati dalla valida produzione di Bob Weston ma le tracce non propongono niente che non sia il già detto o il già sentito.
Finiamola cosí: le carte in regola oramai non ci sorprendono ma volendo proprio essere indulgenti ci aspettiamo qualcosa di più nei prossimi lavori.

+++++++++++++++++++++++++++++

I know, my apologies for that. We should never judge an album by its cover. Even Sonic Youth's Sister has got a deliberately horrible cover art. Differently, the content is refined, in its way: drums hidden in a cardboard box, brutal lyrics, rancid and apocalyptic guitars.
So, I wonder if it would be correct or less linking this Seven Rays of The Sun to Sonic Youth's sound and graphic rapes, since that this cover for the London-based three piece is deliberately conventional.
A simulated-collage à la Rauschenberg calling a need of structures essence, ideas-homogeneity, - although collages often allude to something else. I cannot properly say, it's a sort of reference to natural chaos or a taunt for who's trying to find a liaison among each element.
So, the Music. Ours perform a quiet indie-rock with some memory à la later
Unwound. Some talk of psychedelic, but, as regards me, there's no trace here. Messy Kid is a good song, but without excelling. Guitars harmonies go fluently, dealing out sudden dissonances. Well measured dissonances, functional yet severe in their purpose. Seahorse Seafish is what, among all, might surprise the listener.
But Heat from a DeadStar's more mysterious and convincing ideas flow together with late into the third from the last track: Crown.
The essential requirements for a valid album are there, and for sure they are powered by Bob Weston's help, but these tracks don't say anything new, - i mean, nowadays satisfying the requirements is not enough anymore, but, wanting to be confident, we'll be looking for something more in their next releases.
read less 
read more 

Feedback:

 pallOpen new window writes: in effetti hanno cambiato quasi genere musicale rispetto ai precedenti dischi.. mah.. tu chiamale se vuoi, evoluzioni
(23/07/2009 09:32:00 - ip: 89.97....)
Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl