PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2019 · 2018 · 2017 · 2016 · {and before that

Beatrice Antolini

https://www.inkoma.com/k/18

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard

Sí, ancora Lei, - poi basta, almeno qui, almeno per un pò: ottobre e novembre saranno stati i mesi di Beatrice, un'overdose di interviste e recensioni tutte uguali, data la curiosità e plauso pressappoco unanime. Fossero tutti cosí i mali di questo mondo mediatico. Anzi, speriamo di ammalarci tutti.


Q. komakino: - Vorrei chiederti il signicato del titolo A Due, ma penso che non ci sarà stata intervista che non l'abbia già fatto o mancherà di farlo.. quindi ti chiedo il significato del nome Beatrice Antolini. No scherzo. Anzi, hai mai fantasticato su che nome daresti alla 'tua band', se mai fosse? Non so, Isobel Campbell che prima era The Gentle Waves.. Beatrice Antolini & the Stooges?
A. Beatrice Antolini: Bhè si un nome era uscito, ma è indicibile......... 

Q. komakino: - La copertina del Tuo disco mi sembra una trappola: c'è nome e cognome in italiano, e titolo disco in italiano (che si voglia leggibile anche in inglese), poi invece canti in inglese, e la Musica suona ancora una volta tutt'altro che nostrana. Non hai paura di finire ghettizzata nel reparto di dischi 'autori italiani'?
A. Beatrice Antolini: Non credo che ci si debba per forza nascondere dietro ad un nome finto in inglese per uscire dal “ghetto degli autori italiani” come dici tu, io mi chiamo cosí e che mi inseriscano nel reparto che vogliono! 

Q. komakino: - Mah, io in genere il reparto “autori italiani” in genere lo salto nei negozi di dischi.. sorta di sfiducia nel risultato.. cmq sia, - nel primo disco non c'era nemmeno una tua foto, questa volta invece sei in copertina e non manchi nel booklet del CD, che è successo?
A. Beatrice Antolini: Semplicemente nel primo disco l'immaginario era un altro rispetto a questo. Nel primo disco c'erano le mie cose, la mia casa, la mia stanza azzurra, in questo ci sono io ed io e basta, l'ho talmente voluto questo disco che non ci vedevo nient'altro che la mia immagine in copertina. 

Beatrice Antolini

Q. komakino: - Ora che hai registrato A Due, vedi difetti o senti dei limiti in Big Saloon? L'esperienza di registrare in studio era come te l'aspettavi?
A. Beatrice Antolini: Vedo difetti e limiti in entrambi, l'esperienza di  A Due è ancora lontana da quella che potrebbe essere un'esperienza in uno studio con il produttore artistico e con gli orari da ufficio, lí per fortuna ero libera, potevo prendermi i miei tempi (tipo registrare di notte) e sperimentare con Davide (il sound engineer) tutte le soluzioni che mi venivano in mente, era come stare a casa, solo con dei mezzi migliori.

Q. komakino: - Che ne pensi dell'etichetta spooky pop per definire la Tua Musica? Mi vengono in mente radici Talking Heads e The Creatures, del tipo rumba vs. new wave..
A. Beatrice Antolini: Ottimo grazie terrò a mente! 

Q. komakino: - Euforia, eufonia, pop.. La tua Musica è felice o infelice? Forse infelice come lo potrebbe essere un film di Tim Burton? Una sposa cadavere? Sto pensando a Pop Goes to Saint Peter, cartoon contro cabaret.
A. Beatrice Antolini: Più che Tim burton, mi sentirei più esistenzialista, post bellica, una condizione di felicità per qualcosa di tremendo appena finito ma troppa consapevolezza per goderne di quella felicità, una gioia irraggiungibile. 

Q. komakino: - C'è qualche artista donna in particolare che stimi ultimamente?
A. Beatrice Antolini: Tina dei Talking heads.

 Beatrice Antolini

Q. komakino: - Un'intervista fa mi dicesti che per Monster Munch avevi una specie di video pronto con Frankenstein come soggetto.. che fine ha fatto? Questa volta ci sarà qualche video a promovuore dei singoli?
A. Beatrice Antolini: Quel video non è mai stato concluso, ma chissà..... Sicuramente uscirà qualcosa di visivo, ci stiamo lavorando.... 

Beatrice Antolini

Q. komakino: - Hai ristampato Big Saloon su Pippola rec, con questo disco sei approdata da Madcap ad Urtovox, esci in CD e in vinile, hai partecipato all'ultimo disco dei Baustelle che male non fa, c'è stata forte attenzione per te all'ultimo Miami, sei un pò come il prezzemolo su riviste e webzine (oltre che fuori campo su Panorama a inizio anno).. a quando un duetto con Santana?
A. Beatrice Antolini: Credo che sia il percorso normale che debba fare un musicista: dischi propri, collaborazioni, interviste, visibilità se ne vale la pena.
Per il duetto con Satana quando vuoi l'importante è che non ci si bruci con i fuochi ardenti laggiù, non si sa mai.

Q. komakino: - Su myspace ci sono Sugarise e Funky Show a presentare A Due, - ci sono motivazioni particolari? Rappresentano meglio delle altre tracce il nuovo album?
A. Beatrice Antolini: Si sono le più articolate. 

Q. komakino: - Qual è il tuo rapporto con la band che hai dal vivo? Scrivendo i pezzi da sola avrai dovuto poi preparare ogni membro del gruppo, e a memoria del concerto che vidi, con ottimi risultati, anzi, il sound era molto più energico che su disco, - insomma, live i Beatrice Antolini sono molto feroci..
A. Beatrice Antolini: Ma no! Sono solo Rock. Mi piace molto suonare dal vivo e mi sono sempre divertita a parte una volta.

Beatrice Antolini - A DueQ. komakino: - Che cos'è una Morbidalga? Con un titolo come Morbidalga, mi viene da pensare che non scrivi nulla con riferimenti al mondo 'reale'.. Anche questa volta non ci sono i testi annessi al cd.
A. Beatrice Antolini: E' qualcosa di morbido allo stesso tempo morboso  liquido e scivoloso come un'alga. Mi invento spesso le parole associandole tra di loro, a volte vengono dei nomi bellissimi. 

Q. komakino: - Facciamo della zizzania, - è vero che non ti piacciono le Cocorosie? Hai qualcosa contro i loro baffi disegnati?
A. Beatrice Antolini: Diciamo che non me ne frega niente. 

Q. komakino: - Conosci Dari? trattasi il fenomeno mtv dei gggggiovani del momento. Praticamente vende più suonerie per i cellulari che dischi.. sorta di figlio settiminio di Avril Lavigne e Beehive. Tu che suoneria hai sul tuo cellulare?
A. Beatrice Antolini: Quella di default di nokia, tristissima. 

Q. komakino: - Non sei curiosa di suonare dal vivo fuori italia? Cosa ti ha frenato sin ora?
A. Beatrice Antolini: La monetanza. 

Q. komakino: - Mi pare giusto. - A parte per suonarci, vai mai a qualche concerto come 'persona del pubblico'? Ultimamente?
A. Beatrice Antolini: Guarda ci stavo pensando proprio in questo periodo, ho assolutamente bisogno di vedere i “grandi” dal vivo e spesso li ho persi per motivi di impegni, ma è un errore! Nella mia vita mi mancano da vedere ancora: Neil Young, stevie wonder, robert fripp, brian eno, David bowie... etc.etc,

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl