PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Barzin

My Life In Rooms

https://www.inkoma.com/k/1245

(9tx cd, 37'45" - Weewerk/Monotreme rec 'o5-o6)

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard
Posso vantarmi? Faccio gossip e recensione con un colpo solo.. Il precedente s/t di Barzin, quello in digipack giallo (non la versione canadese), l'artwork l'ho curato io, - quando qlc anno fa lavoravo per la ocean-music rec. In origine avevo fatto anche un bel booklet in stile autunno, contenente tutti i testi (sí, io ce li ho, li volete?), tante foglioline e fiori secchi.. insomma c*zzo, ne andavo fiero anche.. oltre allo sbattimento, mio, e alla pazienza del Vono che mi faceva usare il suo pc, - sí, mi piaceva.. Il caro Barzin apprezzò, però decise all'improvviso che preferiva fare qualcosa di anonimo, quindi via i testi, via le pagine, solo confezione e cdBarzin - s/t.. poi per ragioni che mi sono oscure il tipo della ocean-music che aveva difficoltà tecniche con photoshop cambiò il font della scritta 'barzin', e riscrisse i credits con un font merdoso all'interno, - e andò in stampa cosí. L'immagine in copertina è una foto di lui, che ho trasformato phoshoppando.. Ok. Fin. - Quindi Barzin ritorna con un nuovo disco, My Life In Rooms, uscito inizialmente per Weewerk lo scorso anno, e ora ripubblicato in europa da Monotreme. Conferma il Suo amore per l'icona indie nazionale Tamara Williamson (sono stati in tour insieme in europa, Lei di spalla a Lui, e mi si raccontava che spesso lui voleva annullare il suo concerto per far suonare solo Lei..), che timidamente canta in background su Won't You Come, - una perla tra i migliori Mojave 3 e Leonard Cohen, ballata per dondolarsi in un crogiolo di lentezza e dolcezza.. sí, lentezza e dolcezza, cioè i poli del pathos di Barzin, che con questo album, dal titolo stile biografia di una cameriera d'alberghi (o donnina di facili costumi?) colma le lacune del precedente s/t, e tesse 9 tracce di ipnosi e calmante, ottimi per un ritorno a casa a fine giornata, mentre si è in auto, o per quando a casa le luci sono basse e si vuole accendere solo qualche candela - immagine ispiratami da Sometimes the Night, strumentale. Barzin è spiritualità e romanticismo, cuori spezzati e innamorati, tra batterie minimali, talvolta in programming, chitarre melliflue, violino, piano, keyb, corno francese (!), in una produzione di suoni brillanti e caldi, a partire dalla title-track, un dolce accompagnamento per buttarsi a letto, lodare il folk introverso, slowcore country, o come preferite Voi per dire che questo miele di canzoni non Vi stucca ma anzi Vi strega..
- Tre anni fa ha suonato alla fnac di milano, una sola data, - ora ce ne sono tre in vista, controllate l'area concerti, e un vaffa ai locali dell'indie romano che non lo fanno suonare.

ƒ˜mp3s (via label):
.o3. Leaving Time
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl