PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2021 · 2020 · 2019 · 2018 · {and before that

Zeitkratzer Ensemble

https://www.inkoma.com/k/1147

live Roma @ Istituzione Universitaria dei Concerti, - Auditorium La Sapienza - 30/01/2007.

 | Massimo Cisternino
permanent link copied to clipboard

The Orgiastic Noise, in programma: 


Lou Reed: MetalMachineMusic,
Mario Bertoncini: Sinfonia de' respiri - Prima esecuzione italiana,
Reinhold Friedl: Xenakis (a)live! - Prima esecuzione italiana.


Non capita spesso di assistere a eventi culturali cosí magmatici e importanti alla Sapienza. In quanto studente e musicista indecentemente interessato ai fenomeni della musica contemporanea posso sentirmi soddisfatto. Già, perchè dalle mie parti va di moda Mozart e il concerto di ieri non lo era di certo.
Lo Zeitkratzer Ensembleè un collettivo di musicisti che è diventato famoso per aver rimesso mano alla Metal Machine Music di Lou Reed e per averla trasformata in un vero e proprio fenomeno della musica contemporanea. Molti sono stati e continuano ad essere i musicisti interessati a questo gruppo di esploratori del suono: Merzbow, Keiji Haino, Jim O'rourke, Lee Ranaldo e Rudy Trouvè ex-chitarrista dei dEUS in Worst Case Scenario.
Il gelido auditorium della Sapienza viene immediatamente riscaldato dai suoni dispersi del compositore di Nuova Consonanza Mario Bertoncini. Una terra dell'inconvenzionalità di cageiana memoria... Archetti sfregati sul bordo dei piatti per generare quelle assurde e inquietanti risonanze che un pò ricordano l'esperienze musicali di Pauline Oliveros e la sua Deep Listening Band.
Ma cio che più importa è la splendida espressione della pazzia di Lou Reed, forse all'epoca concepita come forma di ribellione verso l'RCA e che ieri sera finalmente ho avuto l'onore di ascoltare. Una violenza perfettamente espressa e a mio avviso più inebriante e convincente di quella del suo autore. Un piacevolissimo stupro dei timpani che ti pugnala fin dal primo secondo.
Il concerto si conclude con i 54 minuti della mente del poco conosciuto Iannis Xenakis. Un'esistenza dedicata all'esplorazione di un mondo sonoro architettonico, che va vissuto come tale. Immaginandoci persi in uno spazio che non è del tutto rappresentabile e in cui l'esperienza emotiva è cio che conta veramente..
read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl