PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2020 · 2019 · 2018 · 2017 · {and before that

Laser Tag

w/ Deadly O + AC / Ufeni

https://www.inkoma.com/k/1078

live Roma 14/03/2007 @ sinister noise, 3€

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard

Deadly ODeadly ODeadly OAC UfeniLaser TagLaser TagLaser TagLaser TagLaser Tag
ƒ˜ –›30sec mp4 video: ‹–
.o1. deadly o
.o2. ac / ufeni
.o3. laser tag

Premessa: l'area concerti del sinister noise, neonata venue indie capitolina, rappresenta per me una continua sconfitta video/fotografica. Sarà pure a causa della mia limitata possibilità tecnologica, ma difatti resta che non c'è mai luce, almeno non abbastanza per (me per) fare foto e video decenti. Poi, as usual, la mia digicamera non fa filmati + lunghi di 30sec, ed è quella che è. - Ma meglio di un calcio sui denti no? Meglio che non lasciare nessuna memoria.. - Et, in ultimo, i 3 gruppi in questione sono molto meglio dal vivo che come escono dai miei video. sembra non ci sia niente da fare: se non c'è l'happening, l'happy hour, lo speed-date, l'omaggio donna, l'angolo canna-free, la discoteca struscio/struscia, - no, se non c'è almeno una di queste cose che fanno tanto piglio sul ggiovane, a roma la gente non va ai concerti indie. - Salvo x una qualsiasi band da fuori confine italico. E quindi ci sono sempre le stesse facce. Non che siano tutte brutte. Però oramai da anni mi sembra sempre di ritrovarmi ad una festa tra pochi intimi, dove a turno si suona, tanto siamo tutti gruppi che vanno ai concerti degli altri gruppi, dove il ricambio del pubblico è unicamente rappresentato dalle nuove fiamme di lui/lei e qualche nuovo studente arrivato a roma. Non so, forse saranno i locali che non hanno un minimo necessario di spirito imprenditoriale o un cristo di PR. Sarà che questi concerti a roma cominciano alle 23 e finiscono alle 2 del mattino e sarà che io mi devo alzare la stessa mattina per andare a lavoro.. sarà che era mercoledí..
- sarà quel che sarà, comunque c'erano venti persone o poco più al sinister noise, e peccato, perchè (nonostante i miei video), i gruppi in questione non erano male. I Deadly O sono un combo chitarra/batteria, entrambi alle voci, persi nel noise nevrotico e violento, con pezzi dalla media dei 2 minuti, una caterva di saturazione e scariche di adrenalina sulla batteria. Molto godibili, - ho chiesto al chitarrista se avevano un cd da vendermi, ma niet, - pare devono però andare a registrare in sala c/o Manuel dei Laser Tag. Non ho capito di dove sono.. cmq, buoni. Seguono gli AC / Ufeni, side project di Toni Cutrone (Hiroshima Rocks Around, Dada Swing e +) e il bassista dei Calamita, insieme ad un altro tizio intento a far spaccare le casse mettendo in loop su vari delay i suoi gutturali e i colpi del pedale della batteria, - direi erano avvicinabili ai primi Melvins suonati da Satana, - diciamo non per tutti, - ma batteria e basso in overdrive legavano benissimo nelle continue cariche esplosive. Peccato che i loop mandavano in clip le casse.. I Laser Tag erano quelli + preparati alla scena. Lasciamo stare i provocatori baffetti à la Adolfo H. di Antonio (chitarra/voce, già That Noise From the Cellar) che forse non è tornato a casa vivo dato un tizio con la maglietta 'antifascista 24h' lo puntava non capendone le ilari intenzioni.. I Laser Tag - credo - rappresentano a roma la proposta musicale + inusuale e interessante, - ovvero psichedelia garage, un pò Pop Group, un pò The Vaselines (più che altro x la cover Dying for It), un pò Suicide visto l'organo spesso saturo e epilettico, - tutto a più voci. Quando poi hanno fatto spegnere le luci e hanno steso un lungo tappeto sonoro di drone e feedback, e hanno di seguito acceso una lampada accecante a mò di faro puntando il (magro) pubblico, mi sono detto 'ahh finalmente un gruppo che si impegna a fare qualcosa di differente sul palco!' - Peccato poca gente.. I Laser Tag sono bravi, ma devono scappare da questa città che ignora l'indie. Indie qua a roma rimane sinonimo di nascosto. Anzi, di ignorato. Di non se n'è accorerà nessuno. Personalmente credo che se la gente non va ai concerti, i locali non pagano i gruppi, il pubblico non forma nuovi gruppi, i gruppi non pagati non hanno i soldi per andare in sala prove o affittare un garage o aprire uno studio o comprarsi strumentazione, - i locali faranno solo discoteca o faranno suonare solo cover band o non pagheranno i gruppi locali, etc etc blah blah blah.. E sbaglio a coniugare queste ipotesi al futuro, dato che è già una cosa presente.. che situazione noiosa e statica.. E mi sono rotto il cazzo di questi bandi di concorso per 'gruppi emergenti' che mi arrivano alla casella email! Emergenti un cazzo! Concorso una mazza!
- Stasera qui a roma suonano al traffic i Miranda (from scratch rec) + That Noise from the Cellar - se ci saranno solo 20 persone mi darò pubblicamente fuoco* con le sigarette di quelli fumano nonostante non si possa.
*non è vero

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl