PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2021 · 2020 · 2019 · 2018 · {and before that

Black Ice

w/ Nastro

https://www.inkoma.com/k/1054

live 10 aprile 2007 Roma @ traffic, 4€.

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard

NastroNastroNastroNastro
NastroNastroNastro
Black Ice
Black IceBlack IceBlack Ice

Che partita c'era martedí? Cmq 'partita di calcio di sera' = poca gente ad un concerto indie qua a roma, - oppure 'pubblico non numeroso ma che cmq arriva al locale a fine partita' - il calcio miete gente. Ed io fieramente me ne sbatto del calcio, e quindi verso le 23 ero al traffic, - traffic che oramai ha un impianto audio nuovo di zecca, quasi più grosso del traffic stesso. Ora mi aspetto solo che rifacciano i bagni, e poi diventa la batcave capitolina. Cmq molti dei nuovi avventori del locale, usciti dalle tombe per i Black Ice, erano abbastanza dei patiti di quel sobrio acqua e sciacquone da darkettoni de' noiartri, ma molti erano lí anche solo per Nastro e - forse? - anche per i Cactus, che inizialmente in programma, hanno poi invece dato buca. Sí, io ero lí anche per i Cactus. Peccato, ero curioso di sentirLi live. E il cd ce l'ho pure. - Quindi, ennesimo buon concerto organizzato da Zeromagazine. I Nastro sono un parallelo di Laser Tag, Oblomov e +, a mio parere la miglior proposta new-wave sporca di elettronica analogica in circolazione, - senza snobbismi da dark o batteristi sostituiti da drum-machine. - Basso in primo piano, con Manuel alla voce perso nell'eco di un delay corto, batteria con ritmi quasi dance-floor, due tre tastiere e a sporcare di elettronica e chitarra grattata nella distorsione. Manuel e Flavio in uniforme a tema, N scotchata à la Diabolik, con il primo che si dimena e pratica l'autoipnotismo sonoro, - speravo di vedere Manuel gettarsi per terra animale da palco come lo vedo, ma niente, - però poi a verso fine concerto scompare dietro le quinte per tornare con un tamburo e fare doppia batteria col Vono Box. Bei ritmi, bell'underground. Un buon revival senza puzzare di vecchio.

I Black Ice fanno un cambio palco interminabile scambiando complimenti a iosa ai Nastro, - sento qualcuno del traffic paventare un 'questi te fanno fa le 3 der mattino', poi dopo un 20 min finalmente cominciano, e l'anima del Gruppo è indiscutibilmente la cantante, Ms. Correll (giusto?), uscita da qlc b-movie di vampiri (non che gli altri non fossero goth people, anzi), bambolina horror 30enne, con una bella voce e teatralità, ogni tanto finito di cantare si siede su una cassa, come mesmerizzata e assente, - ma poi quando canta invece scende tra il pubblico come una strega, anzi, viene da me e mi strattona che momenti mi addobbo per terra, ma - riflessi pronti (sono fiero di me), ho subito sfoggiato una contropresa senile a mò di 'me fai cascà!'. Direi un Gruppo old-style, di quando il punk divenne goth, - con qualche effetto ballad alla Black Heart Procession. Molto classici, e piacevoli. - Purtroppo s'erano fatte quasi le 2am, io avevo un bel pò di sonno arretrato, - e me ne sono dovuto andare prima che tutto finisse. Magari hanno fatto davvero le 3.

read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl