PLEASE NOTE: This website uses cookies to help us give you the best experience when you visit our website.
By continuing to use this website, you consent to our use of these cookies.
Close this one-time pop-up message to accept, or learn more about it: visit https://www.cookiechoices.org/#resources
got cookie, THANK YOU!
Journal RSS journal posts · 2018 · 2017 · 2016 · 2015 · {and before that

Sophia

https://www.inkoma.com/k/1033

17 aprile Roma @ Circolo degli artisti, ingr. 13€

 | pall youhideme
permanent link copied to clipboard

Adam Franklin guitar caseAdam Franklin guitar caseAdam Franklin guitar caseAdam Franklin guitar caseAdam Franklin guitar case
Adam Franklin guitar caseAdam Franklin guitar caseAdam Franklin guitar caseAdam Franklin guitar caseAdam Franklin guitar case
Adam Franklin guitar caseAdam Franklin guitar case


Dear english komareaders, Robin Proper Sheppard's Sophia perfomed a great live show last night in Rome, - forgive me if i'm too lazy to translate, - so, just enjoy the photographs and videos Stefano (more soon at His personal website) and me taken. // - Beh, il mio amore per la Musica di Robin Proper Sheppard ebbe inizio con l'ascolto dell'ep Home di The God Machine, - e niente è stato più lo stesso da allora. Poi la morte del bassista Fernandez, e quindi la svolta Sophia, che non sono e non vogliono essere i God Machine, - di quel senso malinconico della catarsi Robin ne marca più l'idea cantautoriale intimista che l'impatto violento da vortice della distorsione elettrica. Insomma, ieri sera a Roma sono tornati i Sophia (sarà la 4a o 5a volta? - Robin + tardi ricorderà al pubblico che il Suo primissimo concerto (come Sophia) in italia è stato da solista a Roma in un negozio di dischi storico, just like heaven..), questa volta senza quartetto d'archi, ma con full band - come titolava la nota sui flyer/comunicati stampa. In effetti su palco erano in sei: 3 chitarre, organo/piano (poi alla 4a chitarra), basso e batteria. Ad una delle chitarre, oramai da anni c'è nella line-up dal vivo Adam Franklin dei fu-Swervedriver (poi Toshack Highway, e ultimamente con i Settings Suns, insieme a Sam Fogarino degli Interpol), che - noto con piacere - ancora conserva la custodia della chitarra con sù scritto Swervedriver.. in effetti su palco Adam non pecca una nota, - è preciso, e quando c'è da fare distorsione è come assistere ad una costante lezione all'uso del tremolo arm sulla sua fender jazzmaster.. insomma, che classe, tanto di cappello.. Tra l'altro la notte prima Lui, l'altro chitarrista e il batterista (Jeff Townsin, già Horsepower, Toshack Highway e Submarine) erano passati al traffic giusto DOPO che noi avevamo finito di suonare.. checcazzo.. beh, ho infastidito Adam giusto per fargli qlc complimento.. - Il concerto: Robin si presenta capelli lunghi su palco (mica l'avevo riconosciuto!), e apre il concerto con Big City Rot dal nuovo album Technology Won't Save Us, che dice essere canzone prettamente acustica sull'album, ma che invece stasera sarà elettrificata. Il locale è quasi pieno, si schiatta dal caldo nonostante le porte aperte, - credo però l'areazione fosse spenta, - o forse erano quei cazzo di fumogeni che danno omaggio ogni luce strobo acquistata dai locali.. insomma, si schiattava. Il terzo (forse quarto) pezzo in scaletta è Oh My Love, - la hit, la gente si muove, molti conoscono le parole, - poi Robin chiacchiera a manetta col pubblico, fa battute, insomma, sa farsi amare, poi c'è la gaffe che ha cominciato un pezzo vecchio, che non fanno da un sacco di anni.. e dopo trenta secondi ferma tutto perchè non riesce a ricordarsi le fucking lyrics. Ok, perdonato. Ogni tanto lo vedo colare sudore, specie quando su The River Song c'è il finale di due accordi a muro di distorsione tirato per 4/5 minuti.. quel finale era God Machine, come anche The Desert Song no. 2, e come ogni volta che tutti accendono i pedali sporchi.. poi quando Robin riabbraccia la low-key dell'acustica Takamine Jasmine torna Sophia, e I Left You come Swept Back è una dolce ballad lirica da spezzacuori. Il primo bis è da solo con Directionless, poi altri 3 canzoni di nuovo a formazione piena, prima dei saluti. Il concerto è stato ipnotico e intenso, - certo, 13 cucuzze non erano poche cristosanto, poi il cd (doppio, in digipack) erano altri 15€.. ok, Te lo vendeva direttamente Robin, e personalmente preferisco dare i soldi direttamente nelle mani dei Musicisti che ai negozi.. ok ok.. -

__nota: foto di S. De Giacometti, thanks a lot dude!



read less 
read more 

Feedback:

not yet, probably nobody cares, or nobody cared enough to tell something. Also: nobody reads komakino.

Leave a feedback about this post, or don't.
your sweet name:

your IMPORTANT text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl