Journal · 2016 · 2015 · 2014 · 2013 · {even before
Filter by {reviews} {interviews} {live reps} {varie}


1 OCT lunedì 13:24 previously    next
{ posted by: freddie koratella}
2012

Cheap Freaks  - Bury Them All
(14tx LP, Big Neck rec 2012)

Cheap Freaks - Bury Them All

Dopo i The Revellions, gli The Urges ora sono i Cheap Freaks a farmi capire che nella capitale Irlandese non si hanno troppi problemi a parcheggiare le chiappe nel più oscuro dei garage sotterranei. La Big Neck Records ci presenta infatti il loro primo Long Play Bury Them All; quattordici tracce viniliche che, già al primo ascolto, danno immediatamente la sensazione di essersi sintonizzati su qualcosa che gira bene. Rispetto alle altre due compagini sopracitate i Cheap Freaks seppelliscono tutte le loro influenze 60’s sotto una coltre di immondizia sonora. Io godo perché nella sporcizia ci immergo le mani tutti i giorni; questione di affinità. Si parte con Naked in the Rain - a poco meno di un mese dal sessantasettesimo compleanno del sempre nudo Lux Interior - il paragone con i The Cramps non è sicuramente fuorviante. A seguire 1984 e per chi non si fosse già traumatizzato ecco un massacrante pezzo alla The Spits. Hit è un inno alla disperazione; straziante come la consapevolezza che a volte il tempo non bisogna sprecarlo. Con Nowhere to Go i Cheap Freaks si imbucano di nuovo al party privato dei The Spits; si finisce a birra e sputi. Ascoltando I’m coming Home mi sento a casa; come quando faccio girare viziosamente le dita e i dischi di tutti gli immortali eroi della Musica Morta. Sintonizzazioni stonate. Cryin’ Shame è il pezzo più godereccio del primo lato; un ritmo crescente degno dei migliori The Stems tanto per intenderci. La prima metà del disco si chiude con Cruel World un gran bel ballatone R’n’R’; malinconico come subire quotidianamente certe ingiustizie che fanno del nostro pianeta un bel posto di merda dove vivere.
Il lato B apre le danze con Asahara’s Nightmare; proprio di ballare si tratta anche per i più impostati. Fuck the Poser; We Are Loser. Can’t Fool e la sostanza non cambia; fuori è arrivato il primo freddo, ma mentre ascolto questa traccia trasudo garage punk. Caesar the Deceiver è un pezzo che almeno una volta tutti dovrebbero ascoltare; R’n’R’, garage, punk se le danno di santa ragione. Bolsheviks e si vira decisamente sulla psichedelia distorta; ci riempiamo da subito i polmoni con il vento gelido della guerra fredda. Speriamo che non sia un Autunno Caldo solo per certi scandalosi spogliarelli. Poi arriva l’infernale Sleep with You e si va a tutto rock and roll; come quando capita di passare la notte in certi letti dove si fa tutto tranne che dormire. Old Cole’s Soul è il pezzo più drogato dell’album; quasi Hard Rock e questo non è certamente un male. Si chiude con Free of You. Una vomitata di dolore che andrebbe fatta ascoltare a tutti quelli che con troppa superficialità pensano che amare sia racchiudere la vita in un lucchetto. “Bury them All” cazzo è un gran disco.

.·´¯¯`·.    .·´¯¯`·.
  °   °     /_ .K ..·
·..  º .·

Not only The Revellions, The Urges - now there's also Cheap Freaks to make clear that in the Irish capital, people do not have too many problems to park their ass in the darkest of spot of underground garage music. Big Neck records presents us their first long-playing, Bury Them All; fourteen tracks on vinyl, and since the very first listen, You realize it is something definitely good. Differently from the above mentioned bands, Cheap Freaks bury all of their 60's roots under a sound blanket of trash noise. And I dig that, because I'm used to trash every day; matter of affinity. It starts with Naked in the Rain, - and a little less than a month from the sixty-seventh birthday of the always-naked-Lux Interior, - a comparison with The Cramps is not exactly out of reason. Then it's 1984, and for those not yet traumatized, here is an exhausting piece à la The Spits. Hit is a hymn to desperation; heartbreaking as the knowledge that sometimes we should not waste Time. With Nowhere to Go, Cheap Freaks step back at The Spits' private party;it ends with beer and spits. I’m coming Home: I feel home indeed; like when my fingers go on the records I play for my Dead Music DJ set. Out of tune tunings. Cryin’ Shame is probably the easiest track so far on the first side; a growing vibe à la The Stems, if You get me. And this side ends with Cruel World, - R'n'r long ballad.
Flip the disc, and let's begin the dance with Asahara’s Nightmare, and that's what You must do: dance it. Fuck the Poser; We Are Loser. Can’t Fool and the subject is still the same; outside, early Winter blows are coming, but as I am playing this track, I sweat garage punk. Caesar the Deceiver is a song everybody should listen to, at least once in a lifetime; R’n’R’, garage, punk, kicking each other; now we fill the lungs with the chill wind of the Cold War. Hopefully it is not a Hot Autumn only for certain scandalous strip.
Then comes the infernal Sleep with You and you go all rock and roll, as when it happens to spend the whole night in certain beds where you do anything but sleeping. Old Cole’s Soul is the drugged centerpiece of the album, almost Hard Rock and this is certainly not a bad thing. It closes with Free of You, vomited pain that should be done to all those who listen to the Music with too much superficiality, and think that love is about putting life in a lock. "Bury them All" is a fucking great record.

Freddie Koratella (Dead Music dj-set)



(0)

luv 11 komareaders love this



Previously, on komakino fanzine, about 'Cheap Freaks':


 -  niet, rien, nada, niente, nothing, nichts, null, ...


Post Your feedback..
name:

text:

url:

icon: will be resized 30x30pxl

 
 

Feedback:

not yet








***

More random komaposts:

***

Ultimi aggiornamenti concerti in italia: Barberos  The Pretty Things  Lai delle nubi  Boris  Swans 

***

Latest headlines:
02/12/2016 14:13:38 • Peter Kernel - We're Not Gonna Be The Same Again
30/11/2016 16:32:13 • Mai Mai Mai - Φ (PHI)
30/11/2016 09:16:44 • Sophia - Live Roma, 09/11/2016
23/11/2016 17:25:43 • Bruuno - Casper
23/11/2016 11:04:38 • Six Feet Tall - s/t




   
| komakino'zine: about / send promo / em@il / rss || disclaimer ||| somewherelse over the rainbow: youtube / last.fm / twitter ||||